• Perché le dita raggrinziscono in acqua?

    Vi sarà capitato innumerevoli volte in piscina o al mare, persino quando rimanete a mollo per ore nella vasca da bagno: la pelle dei polpastrelli irrimediabilmente si raggrinzisce formando delle curiose pieghe. Non che sia un problema, ma il fenomeno ha da sempre incuriosito gli scienziati. Che ora sembrano aver scoperto il perché di questa reazione.
    I ricercatori dell'Università di Newcastle hanno stabilito che le pieghe sono un adattamento evolutivo utile a migliorare la presa quando si sta in acqua. Gli scienziati hanno fatto svolgere un esperimento a un gruppo di volontari: raccogliere una serie di oggetti in marmo immersi nell'acqua e farli passare per piccole fessure. I volontari con le dita avvizzite sono riuscite a svolgere il loro compito molto più velocemente degli altri.

    Che cos'è la pelle d'oca? Perché le donne hanno le natiche grandi? Qual è la dimensione "giusta" del pene? Numeri e curiosità sul corpo umano

    Non si scivola
    Come ha mostrato uno studio precedente pubblicato

    Continua a leggere »from Perché le dita raggrinziscono in acqua?
  • Billadeau Betty e Clifford Boyson (AP)Un fratello e una sorella si sono riabbracciati dopo 65 anni grazie al fiuto investigativo di un bambino di 7 anni. È la storia a lieto fine di Billadeau Betty e Clifford Boyson, che all'età di 5 e 3 anni sono stati mandati in due diverse case famiglia perdendo così le tracce una dell'altro. Nonostante i due fratelli abbiano passato interi decenni a effettuare ricerche non sono mai riusciti a ritrovarsi, fino a che Boyson ha trovato sulla sua strada il piccolo Eddie Hanzelin. Figlio del suo padrone di casa, il bambino di soli 7 anni si è commosso così tanto al racconto dell'uomo che ha deciso di aiutarlo con il supporto della rete: "Nessuno è stato in grado di aiutarmi fino a che non ho incontrato Eddie", ha detto Boyson. Utilizzando l'account Facebook della madre, Eddie ha iniziato le ricerche: "Sono andato su Facebook e ho digitato 'Boyson'. Mi si sono presentate un sacco di foto, una di queste assomigliava a Clifford e facendo l'ingrandimento la somiglianza era davvero evidente,

    Continua a leggere »from Fratelli si ritrovano dopo 65 anni grazie ad un bambino
  • Cityglance, il social network dei pendolari

    metro“ Conoscere gente sul treno”, cantavano qualche anno fa gli Amari. Ora, se parliamo di metropolitana pur sempre di treni si tratta. Cityglance è uno degli ultimi arrivati nella miriade di social network che invadono le nostre giornate. Si aggiunge, in particolare, a quelli cosiddetti di prossimità, vale a dire che lavorano sulla geolocalizzazione più che sul modello classico di socialità online. Tutto italiano, si userà nelle underground di tutto il mondo. Per ora il lancio da Milano ma Londra e New York, le metropolitane per eccellenza, sono dietro l’angolo.

    TUTTI I MOTIVI PER DIRE ADDIO ALL'AUTO

    A cosa serve? Rifacendoci al testo del gruppo friulano, a trasformare in realtà quello sguardo fugace che ogni mattina scambiate con la ragazza o il ragazzo in fondo al vagone. Un interesse reciproco o una curiosità. Speriamo non così morbosa come la mitica sequenza dell’assatanato Michael Fassbender nel film Shame. Detto in altre parole: Cityglance permette di rintracciare e (se lo vogliono)

    Continua a leggere »from Cityglance, il social network dei pendolari
  • De Falco (LaPresse)De Falco (LaPresse)Continua l'elenco dei nomi di papabili personaggi celebri (tutti non politici) che Monti vorrebbe nella sua lista nella corsa alle presidenziali. Dopo Valentina Vezzali e Annalisa Minetti, ecco comparire il nome di Gregorio De Falco, il capitano che intimò al telefono il comandante Schettino di risalire a bordo della Costa Concordia. Sono giorni che in rete si rincorrono le voci di una sua possibile candidatura, ma è arrivata prontamente la smentita da parte dell'interessato: "Se avessi ricevuto una richiesta di candidatura da Monti o da altri ne sarei stato onorato e l'avrei valutata, ma la richiesta non è arrivata". E se arrivasse? Si tratterebbe dell'ennesimo caso di cittadino votato alla politica per il suo valore civile? Di altra opinione è il capitano, che rifiuta l'idea di aver compiuto un atto di straordinario valore: "Non mi sento un eroe, ho fatto solo il mio dovere". Sta di fatto che prima nega qualsiasi tipo di coinvolgimento politico ("Non sono interessato alla carriera

    Continua a leggere »from Elezioni 2013: De Falco era pronto a salire in politica con Monti
  • I contrassegni depositati per le elezioni 2013 (credits: Ministero degli Interni)I contrassegni depositati per le presidenziali 2013 (credits: Ministero degli Interni)Da giorni in coda per depositare il marchio ufficiale e vengono beffati all'ultimo da ignoti. È accaduto al Movimento 5 Stelle, che si è visto rubare il simbolo cerchiato con le cinque stelle: ora, sulla bacheca della Direzione Centrale dei Servizi Elettorali appaiono due simboli praticamente identici, con le cinque stelle all'interno di un cerchio e la scritta "Movimento". Si è aperta la caccia al ladro, come scrive lo stesso Beppe Grillo sul suo blog postando la foto incriminata: "Il primo in alto a sinistra è il simbolo farlocco del M5S che qualcuno ha presentato prima di noi. Come è possibile? Chi c'è dietro?". Una domanda più che lecita, visto che arrivare a depositare il simbolo non è stato così semplice. Giorni di code davanti all'ufficio preposto, con tanto di appello accorato da parte di Davide Barillari, candidato presidente alla regione Lazio, a tutti i grillini: "Ininterrottamente dall'8 gennaio centinaia di cittadini del MoVimento 5 Stelle si stanno alternando in fila

    Continua a leggere »from Simbolo del M5S rubato: qualcuno sta cercando di sabotare Grillo?
  • Roberta Angelilli
    Ambasciator non porta pena, recita il proverbio. Ma figuracce in abbondanza, stando a quanto si apprende dell'attività dei 73 nostri europarlamentari a Bruxelles e Strasburgo. Oltre all'assenteismo, che fa scivolare l'Italia al 24° posto in fatto di presenze in Europarlamento (su 28 delegazioni nazionali), spiccano richieste al limite del ridicolo. Tra i deputati che nell'ultimo mandato si sono distinti per aver posto le interrogazioni più surreali figurano per lo più leghisti e pidiellini. Mara Bizotto della Lega Nord guida la classifica dei deputati dell'Ue più attivi: 902 interrogazioni, tra cui incuriosiscono quelle sulle "Condizioni deplorevoli dei canili municipali in Romania" e le "Vignette on line inducono i bambini a consumare psicofarmaci". Senza contare la richiesta di chiarimenti in merito alla riorganizzazione dei servizi segreti turchi - pericolosa per la sicurezza pubblica, argomenta - messa a tacere in modo quasi imbarazzante: "La Commissione non si esprime su

    Continua a leggere »from Gli europarlamentari italiani all'Ue? Richieste ridicole e di finanziamenti
  • Cina, le conseguenze della politica del figlio unico

    cina__le_conseguenze_della_politica_del_figlio_unico_4230Meno competitivi e più cauti; meno ottimisti e più nervosi. Ecco come si presentano i Piccoli imperatori, la generazione di figli unici nati in Cina dopo l’entrata in vigore della Politica del figlio unico, la strategia di controllo delle nascite voluta da Deng Xiao Ping, successore di Mao, per porre freno alla crescita demografica che in 25 anni aveva fatto raddoppiare la popolazione del paese portandola a un miliardo di individui. A tracciare l’identikit della personalità dei cinesi nati dopo il 1979 è uno studio pubblicato su Science e condotto da un gruppo di ricerca coordinato da Lisa Cameron della Monash University, in Australia.

    ECCO LE 50 PERSONE CHE STANNO CAMBIANDO IL MONDO

    Per cercare di contenere la crescita della popolazione nazionale, nel 1979 la Cina ha introdotto la Politica del figlio unico (Pfu) che, con qualche eccezione, obbligava le coppie residenti in città a mettere al mondo un solo figlio. La legge ha suscitato nel corso degli anni non poche perplessità, tanto

    Continua a leggere »from Cina, le conseguenze della politica del figlio unico
  • (Fotolia)(Fotolia)Un freddo così non se lo immaginava nessuno, nemmeno Lord Kelvin, che attorno 1850 teorizzò lo zero assoluto (-273,15 °C) come temperatura più bassa raggiungibile da un corpo, quella cioè in cui le particelle che lo compongono sono al più basso livello possibile di energia. Ma qualche giorno fa un team di ricercatori della Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco e del Max-Planck-Institut di Garching è riuscito a portare una nuvola di atomi di potassio a una temperatura inferiore, anche se di poco, a questo valore minimo teorico.

    A proposito di freddo: guarda il tornado di ghiaccio

    Temperatura ed entropia
    Per comprendere la portata della scoperta occorre introdurre una definizione di temperatura diversa da quella alla quale siamo abituati. Quando si fornisce energia ad un sistema fisico, per esempio quando si scalda un cubetto di ghiaccio, si aumenta il suo livello di disordine: gli atomi che lo compongono iniziano a muoversi con maggiore libertà man mano che il ghiaccio si scioglie e

    Continua a leggere »from Zero assoluto, la temperatura più bassa non è più assoluta
  • Cucina in tv? Le ricette sono bombe ipercaloriche

    Cucina in tv? Le ricette sono bombe ipercaloricheLa bulimia, lo sappiamo, prende ormai le mosse dal piccolo schermo. Cibo ad ogni ora del giorno e della notte che straborda dalla miriade di programmi a esso destinati (in particolari su emittenti specializzate come Real Time, che vanta senz’altro una delle migliori e più complete offerte sul tema) e penetra in ogni altra trasmissione. Si taglia, soffrigge, affetta, sbuccia, spadella e farcisce senza pietà. A volte con stile e misura, altre volte meno. Quasi sempre, tuttavia, con un carico di calorie, grassi e zuccheri da far impallidire la più ardita delle forchette. Anche perché la presunta genuinità dei piatti firmati dai superchef – nuovi eroi del contemporaneo – è spesso tutta da dimostrare. Lo dice uno studio britannico condotto dai ricercatori dell’Nhs Tees insieme a quelli della New Castle University e pubblicato sul British Medical Journal. Cos’hanno fatto i guastafeste d’oltre Manica? Hanno messo a confronto proprio le ricette degli chef televisivi con i piatti pronti.

    50

    Continua a leggere »from Cucina in tv? Le ricette sono bombe ipercaloriche
  • L'astronauta Satoshi Furukawa (Nasa)L'astronauta Satoshi Furukawa (Nasa)Fare l’astronauta può essere il lavoro più bello del mondo. Ma ha diversi effetti collaterali.

    Una lunga permanenza nello spazio infatti può comportare importanti modifiche al corpo e alla psiche dell’uomo con conseguenze non ancora del tutto chiare.
    Per esempio si cresce, si diventa più pigri, si potrebbe sviluppare l’Alzheimer precocemente.
    Che cosa succede veramente agli astronauti nello spazio? E la Nasa sta cercando di capirlo a fondo prima di spedire equipaggi umani verso Marte o su stazioni orbitanti attorno alla Luna (come si vuole fare tra il 2020 e il 2030)?

    L'hotel spaziale a cinque stelle. Come ci si vive?

    Come si cresce sulla Stazione Spaziale Internazionale
    L’effetto più eclatante della permanenza nello spazio è la crescita. È noto infatti, che dopo una permanenza di 5 o 6 mesi l’altezza degli ospiti spaziali aumenta anche del 3%. La spiegazione a livello molto generale è stata capita: la mancanza di gravità agisce di meno sulle vertebre della colonna vertebrale le

    Continua a leggere »from Perché gli astronauti diventano più alti nello spazio?

Impaginazione

(1.025 articoli)