Post sul blog di Ik

  • (AGI) - Milano, 26 mar. - Silvio Berlusconi verserebbe "bonifici sistematici" a una decina di ragazze che non sono indagate nel procedimento Ruby ter.(AGI) - Milano, 26 mar. - Silvio Berlusconi verserebbe "bonifici sistematici" a una decina di ragazze che non sono indagate nel procedimento Ruby ter.Lucio Battisti cantava “dieci ragazze per me posson bastare” pur di vendicarsi di una donna che lo aveva rifiutato, ma il parallelo per Silvio Berlusconi rischia di essere estremamente pericoloso. Il ragioniere Giuseppe Spinelli che ha in gestione le casse della villa di Arcore è stato interrogato il 20 febbraio scorso dalla Procura di Milano quale persona informata dei fatti nell’ambito del processo Ruby-ter e ciò che è emerso potrebbe mettere ulteriormente nei guai l’ex Cavaliere.

    Giuseppe Spinelli ha svelato che esistono una decina di ragazze, non indagate nel processo ma delle quali avrebbe fornito i nominativi, alle quali verrebbero versati sistematicamente cifre tra i 1500 e i 2500 euro mensili. Si tratta di giovani donne che avrebbero partecipato alle cosiddette “cene eleganti” di Palazzo Grazioli e Villa San Martino in passato.

    Tra i nomi consegnati dal ragionier Spinelli figurano Maria Letizia Cioffi (2500 euro), già intercettata un centinaio di volte nelle telefonate con

    Continua »di Dieci ragazze per un bonifico: Silvio Berlusconi nei guai
  • Villaggio kazako, si addormentano e nessuno sa il perché

    Gli scienziati parlano di malattia del sonno, ma trovare una spiegazione del perché colpisca questo paesino sembra impossibile.

    FotoliaFotoliaNell’ultimo anno e mezzo, circa un quarto della popolazione di un villaggio del nord del Kazakistan ha vissuto la stessa esperienza: all’improvviso hanno smesso di fare ciò che stavano facendo e sono caduti nel sonno. Non tutti in una volta, ovviamente, ma il fenomeno ha colpito tantissimi abitanti e nessuno riesce a trovare la vera ragione.

    Gli scienziati parlano di malattia del sonno, con episodi caratterizzati da un sonno improvviso che può durare anche giorni. Le persone colpite si svegliano confuse e senza ricordare di aver passato così tanto tempo dormendo. Secondo altre fonti, i soggetti, durante il sonno, sembrano essere vittima di spaventose allucinazioni.

    Il professor Leonid Rikhvanov, intervistato da Newsweek, spiega come “risvegliarli e riportarli a essere coscienti nel primo giorno di sonno è praticamente impossibile”. Si tratta di un fenomeno conosciuto anche in Occidente: gli studenti universitari, nel periodo finale delle sessioni di esame, si addormentano

    Continua »di Villaggio kazako, si addormentano e nessuno sa il perché
  • Incidente Germanwings: le regole di accesso alla cabina di pilotaggio

    Dall’esame del cockpit voice recorder, la scatola nera che registra le voci in cabina di pilotaggio, è emerso un fatto determinante per comprendere che cosa è avvenuto negli otto minuti che hanno preceduto lo schianto dell’Airbus A320 di Germanwings sulle Alpi Francesi. Uno dei due piloti – attualmente non si è riuscito a comprendere se si tratti del capitano o del secondo – ha tentato disperatamente di forzare la porta della cabina di pilotaggio. Un tentativo risultato vano perché, dopo il giro di vite post-11 settembre, la porta di accesso alla cabina di pilotaggio è diventata la più sicura dell’intero aeroplano.

    Un attento esame delle norme e delle procedure che regolano l’accesso alla cabina di pilotaggio lascia tre nodi insoluti. Il primo quesito è: perché uno dei due piloti è uscito? Il secondo quesito è: perché chi è rimasto dento non è stato affiancato – come vuole il regolamento – da un altro membro dell’equipaggio. La terza domanda è: perché chi è rimasto in cabina non ha

    Continua »di Incidente Germanwings: le regole di accesso alla cabina di pilotaggio
  • I soccorritori: «Ci sono corpi ovunque» E accendono roghi per tenere lontani i lupi

    Nella notte sono stati accesi fuochi sulle pendici del vallone del Galèbre, la gente del posto, scioccata dallo schianto dell’Airbus A320 di Germanwings ha deciso di dare il proprio contributo per evitare che allo scempio di questa tragedia si aggiungano le incursioni dei lupi che popolano quelle montagne e che, soltanto una settimana fa, hanno sbranato un gregge di pecore che pascolava sulle pendici del Col du Mariaud.

    Oggi arriveranno i famigliari. La prefettura delle Alpes-de-Haute-Provence ha predisposto un team di soccorso psicologico per far fronte all’impatto devastante di questa tragedia su coloro che hanno deciso di recarsi dove si trovano i resti dei loro cari. A partire da questa mattina ci saranno anche interpreti parlanti spagnolo e tedesco e la Gendarmeria ha disposto un’apposita cartellonistica per agevolare l’accesso delle famiglie delle vittime al luogo dell’incidente.

    Per i soccorritori non è stato facile. Si tratta di zone di montagna molto aspre, scarsamente

    Continua »di I soccorritori: «Ci sono corpi ovunque» E accendono roghi per tenere lontani i lupi
  • Germanwings, la protesta del personale: "Non voliamo fino a che non si farà chiarezza"

    Piloti ed equipaggi della compagnia low cost, ma anche della compagnia madre Lufthansa, incrociano le braccia e bloccano i voli. Prima vogliono garanzie sulla sicurezza.

    AgiAgiL’inspiegabile schianto, dopo una caduta nel vuoto di otto minuti, dell’aereo Germanwings precipitato ieri in Francia fa paura ai piloti e agli equipaggi della compagnia low cost. Proprio perché non sono ancora state individuate le cause dell’incidente che ha provocato 150 morti e quindi non è chiaro se le responsabilità possano essere della società che fa capo a Lufthansa. Ragion per cui, ieri, piloti, hostess e stewards hanno fatto saltare tutti i voli di Germanwings e anche parte dei voli Lufthansa.

    Un passaparola che si è diffuso alla velocità della luce via sms e Twitter e che ha bloccato i voli. Mentre tutti si premuravano di specificare che la protesta non aveva nulla a che fare con la durissima trattativa in corso su soldi e prepensionamenti, ma che aveva a che fare solamente con i timori legati alla sicurezza loro e dei passeggeri. Ancora non si sa come andranno le cose per tutta la giornata di oggi, ma viste le reazioni di ieri non sembra che la protesta sia destinata a

    Continua »di Germanwings, la protesta del personale: "Non voliamo fino a che non si farà chiarezza"
  • Roma vieta i manifesti che usano il corpo della donna

    Giro di vite del comune di Roma sui manifesti pubblicitari sessisti. Il sindaco Ignazio Marino ha annunciato ieri, nell’ambito della cerimonia di consegna del Premio Immagini Amiche, il divieto sugli spazi di affissione della capitale di tutti quei cartelloni che utilizzano il corpo femminile in un contesto che lasci intuire una supremazia di genere o una realtà di sottomissione.

    Negli spazi di affissione della Capitale occorrerà rispettare determinate regole e non si potrà più, come accade da decenni, utilizzare in maniera sessista il corpo femminile per pubblicizzare jeans, alimenti o prodotti che niente abbiano a vedere con la specificità del corpo della donna.

    “Gli spazi del Comune potranno essere venduti solo a chi rispetterà le regole inserite nella delibera. Il corpo della donna non potrà essere associato ad immagini che lo equiparano ad un oggetto ed in maniera sessista” ha detto Ignazio Marino, trovando in Laura Boldrini, una solita sponda. La presidente della Camera, anche

    Continua »di Roma vieta i manifesti che usano il corpo della donna
  • Il tuo segno zodiacale è sbagliato (e forse sei dell'Ofiuco)

    C'è l'86% di probabilità che non siate del segno astrale che credete, mentre lo Zodiaco si è arricchito di un tredicesimo membro. Colpa dell'andamento irregolare della Terra.

    LaPresseLaPresseGrande confusione sotto le stelle, se nemmeno i segni zodiacali sono più quelli di una volta. Eppure l’astronomia (che non è mai andata molto d’accordo con l’astrologia) lo dimostra: chi nasce oggi finirà sotto il segno dell’Ariete, ma in verità al momento la costellazione nascosta dal Sole è quella dei Pesci. E non si tratta certo di un caso unico: secondo gli studi ben l’86% delle persone si trova, diciamo così, sotto un segno sbagliato.

    Ma com’è possibile? Il fatto è che il Sole, in circa duemila anni, ha accumulato un mese di ritardo rispetto allo zodiaco che i greci tracciarono nel cielo. Questo è causato dal fatto che la Terra non è certo una sfera perfetta, e in quanto tale ha un andamento irregolare, causato anche dall’azione della forza di gravità del Sole e della Luna. E così, nel suo corso attorno alla nostra stella, la pendenza della Terra cambia.

    Una conseguenza inaspettata è però quella del tredicesimo segno zodiacale. La nascita sono un segno astrale si determina

    Continua »di Il tuo segno zodiacale è sbagliato (e forse sei dell'Ofiuco)
  • Rubata la pecora più costosa al mondo: costa quanto una Ferrari

    200mila euro di danni per un capo di bestiame di razza Texel: il furto è avvenuto in Inghilterra.

    KikapressKikapressI ladri di bestiame sono legati all’immaginario dei film western, ormai relegato al passato. E invece sono ancora in attività, tanto più che alcuni dei capi che vivono in determinate fattorie possono rendere ben più di una rapina di banca. È quanto avvenuto in Inghilterra, dove degli ignoti ladri hanno portato via da una fattoria ben otto pecore di razza Texel.

    Fin qui, non ci sarebbe nulla di particolare. Se non fosse che quella razza è la più pregiata che ci sia per quanto riguarda la produzione della carne, sia in termini di quantità, sia in termini di qualità. È la massima espressione dell’abilità inglese nella selezione della razza, il che rende il loro allevamento molto prezioso e complesso.

    E infatti ognuna di quelle otto pecore rubate pochi giorni fa valeva 150mila sterline, vale a dire quasi 200mila euro. Insomma, ogni singola pecora sottratta costava più o meno quanto una Ferrari, mentre il danno complessiva supera il milione e mezzo di euro. Con cifre di questo tipo, non

    Continua »di Rubata la pecora più costosa al mondo: costa quanto una Ferrari
  • Donna indiana prende l’aggressore per i capelli e lo porta alla polizia

    La storia di Pradnya Mandhare, una studentessa indiana di Mumbai che si è ribellata al suo aggressore trascinandolo alla polizia dopo averlo afferrato per i capelli ha fatto il giro del mondo. La questione della violenza sulle donne è uno dei problemi più irrisolti dell’India contemporanea, un Paese contraddittorio nel quale le spinte verso la modernità convivono con una visione del mondo e della società in cui la sottomissione delle donne continua a essere culturalmente condivisa.

    L’episodio avvenuto a Mumbai poteva essere una delle tante vicende di sopraffazione a danni di una donna, ma Pradnya ha preso coraggio e, in mezzo all’indifferenza generale dei presenti, è riuscita a fare in modo che il suo aggressore fosse assicurato alla giustizia.

    La ragazza stava rientrando verso la sua abitazione di Borivli dopo avere seguito le lezioni di mass media al Sathaye College di Vile Parle e intorno alle 14.30 dello scorso 18 marzo è scesa alla stazione di Kandivli. Mentre attendeva sulla

    Continua »di Donna indiana prende l’aggressore per i capelli e lo porta alla polizia
  • Omicidio Yara, un detenuto rivela: "Bossetti mi ha confessato l'omicidio"

    Il presunto assassino avrebbe raccontato al compagno di aver agito con un complice. Ma ci sono dubbi sulla veridicità del racconto.

    Sono mesi che gli inquirenti non attendono altro che una confessione di Massimo Bossetti, l’uomo in carcere da quasi un anno con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio. Attesa fino a questo momento vana, perché la linea difensiva di Bossetti è sempre stata la stessa: “Sono innocente”. Per questa ragione fa ancor più scalpore la rivelazione andata in onda a Quarto Grado, il programma condotto da Gianluigi Nuzzi.

    Durante il programma è stata infatti rilanciata la testimonianza di un detenuto, che avrebbe scritto sul suo diario quanto ascoltato direttamente dalla voce di Bossetti durante le loro chiacchierate nel cortile della prigione, nell’ora d’aria quotidiana. Il racconto è stato messo a verbale il 12 dicembre e racconta di una confessione di Bossetti: “Quando siamo arrivati a Chignolo l’ho presa in spalla come un sacco di cemento, il mio complice mi faceva da palo. Le ho fatto cose.. Ma non l’ho violentata!”.

    E quindi, Bossetti avrebbe confessato e reso noto di aver avuto un

    Continua »di Omicidio Yara, un detenuto rivela: "Bossetti mi ha confessato l'omicidio"

Impaginazione

(375 articoli)