Il blog di Focus
  • Anche tu potresti avere il 'piede da scimpanzé'

    Potreste avere piedi simili a quelli di una grande scimmia e non esservene mai accorti. Una persona su 13 ha estremità super-flessibili analoghe a quelle dei primati abituati ad arrampicarsi sugli alberi: lo dimostra un nuovo studio dell'Università di Boston.

    Jeremy DeSilva e Simone Gill hanno chiesto a 400 visitatori del Museo delle Scienze di Boston di camminare a piedi nudi mentre venivano filmati. I ricercatori hanno anche utilizzato un tappeto meccanico in grado di analizzare le varie componenti anatomiche del piede.

    [Lo sapevi che... Quali nomi hanno le dita del piede?]

    L'8% dei soggetti ha dimostrato di avere una particolare flessibilità nella parte centrale del piede, caratteristica che nel genere umano si considerava perduta. Nello specifico queste persone mostrano un'eccezionale elasticità sia in corrispondenza dell'attaccatura delle dita, sia tra le dita e il tallone, una peculiarità che permette ad alcuni primati, come gli scimpanzé, di arrampicarsi agilmente sugli alberi.

    Per

    Continua »di Anche tu potresti avere il 'piede da scimpanzé'
  • Piante centenarie e sepolte dai ghiacci tornano in vita dopo 4 secoli

    Un muschio della famiglia delle briofiti tornato a germogliare in laboratorio. Image courtesy of Catherine La FargeSembra una storia da film di fantascienza (o dell'orrore): alcune piante rimaste sepolte per oltre 400 anni sotto ai ghiacci canadesi hanno ripreso a germogliare in laboratorio sotto gli occhi attoniti degli scienziati, come se i secoli e il gelo non le avessero minimamente scalfite.

    L'evento, oltre ad avere dell'incredibile, potrebbe svelare dati interessanti su come gli ecosistemi reagiscono dopo lo scioglimento dei ghiacci che li ricoprono, un settore di studio che sta tornando all'avanguardia a causa degli effetti del global warming.

    [Da leggere: quest'anno sarà un anno senza estate?]

    Quattro secoli di "letargo"
    La vegetazione nell'area del ghiacciaio Teardrop, sull'isola di Ellesmere, nell'estremo nord del Canada, fu ricoperta dai ghiacci durante la Piccola Era Glaciale, un periodo di raffreddamento climatico globale che interessò la Terra tra il 1550 e il 1850. Ora stiamo assistendo al fenomeno inverso: dal 2004, i ghiacciai nell'area hanno cominciato a ritirarsi al ritmo

    Continua »di Piante centenarie e sepolte dai ghiacci tornano in vita dopo 4 secoli
  • Ricaricare il cellulare in 20 secondi

    esha Khare mentre mostra orgogliosa la propria invenzione. Photo: Intel ISEFDalla fotocamera al navigatore, dall'agenda alla libreria digitale: ai nostri smartphone non manca proprio nulla, se non una batteria che si scarichi meno frequentemente. Una 18enne indiana residente in California potrebbe aver risolto questo annoso problema. Eesha Khare, studentessa di Saratoga (California) ha ideato un meccanismo che in futuro potrebbe permettere di ricaricare la batteria del cellulare in 20-30 secondi: neanche il tempo di un caffè. Stanca della scarsa autonomia energetica del proprio smartphone la ragazza ha creato un piccolo supercondensatore ad alta densità energetica, dimostrandone la capacità di ricaricare una luce LED. L'invenzione le è valsa il secondo posto in un concorso per giovani cervelloni sponsorizzato dalla Intel Corporation, l'International Engineering and Science Fair (Iesf).

    [I trucchi per far durare le batterie degli smartphone]

    I condensatori sono, come le batterie, dispositivi capaci di immagazzinare energia elettrica. Con la differenza che si

    Continua »di Ricaricare il cellulare in 20 secondi
  • IceCube e il mistero dei neutrini altamente energetici

    IceCube, un osservatorio astronomico nei ghiacci, è tra i più ambiziosi progetti scientifici mai condotti finora.icecube_neutrino_1161796

    Il rivelatore di raggi cosmici IceCube, che monitora i ghiacci antartici a caccia di particelle provenienti dal cosmo, ha scoperto qualcosa di insolito che sta appassionando i fisici di tutto il mondo: si tratta di due neutrini dall'energia record (più altri 26 altamente energetici), diversi dalle particelle subatomiche rilasciate dal Sole o dalle supernove del nostro Sistema Solare, che sembrerebbero avere un'origine esterna alla nostra galassia.

    Potrebbero provenire da misteriosi fenomeni energetici ancora poco conosciuti caratteristici dello Spazio profondo, come hanno spiegato una settimana fa alcuni ricercatori in un convegno di astrofisica tenutosi a Madison (USA).

    [Vi ricordate del "tunnel di neutrini"? Esiste davvero?]

    I neutrini sono particelle subatomiche particolarmente leggere e sfuggenti che viaggiano attraverso le galassie seguendo traiettorie lineari, passando indisturbati attraverso la materia, attraversando il nostro corpo e persino le rocce. Il ghiaccio è uno dei pochi

    Continua »di IceCube e il mistero dei neutrini altamente energetici
  • Piramide Maya demolita per errore

    La piramide demolita

    Incredibile in Belize: una piramide Maya eretta in Belize 2300 anni fa, è stata abbattuta per sbaglio da un'impresa locale impegnata nei lavori di ristrutturazione di alcune strade. Era sopravvissuta all'incuria e alle intemperie ma è crollata miseramente sotto la benna di una ruspa.

    L'edificio, che fungeva da luogo di culto per il complesso archeologico di Noh Mul ("collina grande" per i Maya) è stato abbattuto dagli operai che cercavano nuova ghiaia per riempire il selciato. Solo il nucleo centrale della piramide è rimasto in piedi, come testimoniano queste foto scattate da un reporter del posto.

    [Ecco il vampiro di Venezia. Le foto del ritrovamento dello scheletro e le armi dell'esorcista]

    Gli archeologi sono stati avvertiti dell'enorme danno solo la settimana scorsa. E a quanto pare non è il primo episodio di questo tipo nel paese, ricco di patrimoni storici di inestimabile valore che finiscono sacrificati alla costruzione di arterie del traffico. «È incredibile che qualcuno abbia

    Continua »di Piramide Maya demolita per errore
  • Compagna cercasi per orribile pesce a rischio estinzione

    Un maschio di Ptychochromis Mangarahara

    È un pesce tanto brutto quanto raro. Si chiama Ptychochromis Mangarahara potrebbe presto sparire senza lasciare eredi: negli acquari d'Europa esistono solo tre maschi, serve subito una giovane partner. Il Ptychochromis Mangarahara prende il nome dal suo habitat naturale, un fiume del Madagascar (chiamato, appunto, Mangarahara) prosciugato dalla costruzione di alcune dighe. In questo corso d'acqua dolce il pesce è ormai considerato estinto. L'ultima speranza prima della sua completa sparizione è farlo riprodurre in cattività, ma per questo occorre l'altra metà della mela.

    [La galleria dell'orrido: gli animali più brutti della Terra]

    Esistono due maschi di questa specie allo Zoo di Londra e uno in quello di Berlino. Qui era conservata, un tempo, anche una femmina, ma il tentativo di farla accoppiare con il compagno è finito in tragedia, con la poveretta che ci ha rimesso la pelle. A differenza dei maschi di altre specie, questi mostrano una particolare attenzione per le uova e gli

    Continua »di Compagna cercasi per orribile pesce a rischio estinzione
  • Cosa c'è all'interno della Terra

    Siamo arrivati con le nostre sonde ai confini del sistema solare distante miliardi di chilometri, ma ancora non riusciamo a penetrare la Terra se non per pochi chilometri. È questo il paradosso della nostra esplorazione.

    Il pozzo più profondo che sia mai stato eseguito ha raggiunto i 12,5 km (c’è chi sostiene che avesse raggiunto i 14 km) e fu realizzato dai sovietici negli Anni Settanta nel nord della Russia.

    Per studiare l’interno del nostro pianeta dunque si devono seguire strade diverse. La più importante è ovviamente quella che analizza le onde sismiche di terremoti ed esplosioni sotterranee.

    [Leggi anche: ricostruito in laboratorio il centro della Terra]

    Ma negli ultimi anni si sono aggiunte altre strade, tra cui quella che analizza i neutrini (particelle difficilissime da rilevare anche con sofisticatissimi strumenti) che vengono rilasciati durante il decadimento (ossia la trasformazione di un atomo radioattivo in un altro) degli elementi radioattivi presenti nel mantello

    Continua »di Cosa c'è all'interno della Terra
  • Lago Vostok: trovato un batterio, una forma di vita 'aliena'

    I ricercatori impegnati sul lago Vostok (LaPresse)Ricercatori russi hanno scoperto un tipo di batterio che fino ad oggi risulta sconosciuto sulla Terra. Quel che è particolare è il fatto che questo batterio è stato portato alla luce nell’acqua raccolta nel più grande lago sotto-glaciale dell’Antartide, il Lago Vostok, che si trova sotto oltre 3.000 metri di ghiaccio.

    [In più: le foto più belle di laghi]

    Al buio per milioni di anni
    La notizia arriva dopo che una precedente raccolta d’acqua aveva dato esito negativo. Si suppone che quel lago sia stato occluso dalla luce del Sole per milioni di anni. E dunque quella piccola forma di vita potrebbe aver conservato le caratteristiche della vita che vi era nel lago milioni di anni fa. Solo dopo lunghi anni di prove e sperimentazioni quest’anno i russi sono riusciti ad arrivare a quel lago e a prelevare alcuni campioni d’acqua. La scoperta di un batterio “alieno” alla vita di oggi, fa aumentare notevolmente le possibilità che in quel tipo di laghi vi possano essere forme di vita a noi

    Continua »di Lago Vostok: trovato un batterio, una forma di vita 'aliena'
  • Che cosa succede se non dormiamo abbastanza?

    Quante ore dobbiamo dormire per essere riposati?Se l’insonnia è occasionale non dà conseguenze e una notte mal dormita si recupera facilmente già la notte seguente. I problemi sorgono se la carenza di sonno si protrae per mesi. Gli studi hanno infatti associato l’insonnia cronica a numerose malattie e a disagi psicologici.

    [In più: A letto con Marina. Scopri cosa succede al sonno nelle notti fuori dal normale]

    Dallo stress al diabete
    Le prime conseguenze sono stress, irritabilità e un calo nella capacità di concentrarsi sul lavoro e sulle attività quotidiane. Su periodi più lunghi, invece, la carenza di sonno influenza il metabolismo dello zucchero e predispone al diabete di tipo due; inoltre, specie se è dovuta alle apnee notturne, aumenta il rischio di aritmie cardiache, aterosclerosi e ipertensione

    [Test: Scopri se dormi abbastanza]

    Nel cervello, il mancato riposo influenza l’ipotalamo e i centri che regolano la sensazione di fame e sazietà, inducendo a mangiare di più e favorendo l’obesità. Alcune ricerche hanno infine associato

    Continua »di Che cosa succede se non dormiamo abbastanza?
  • Progeria e altre malattie rare, 38 milioni di euro per la ricerca

    Le chiamano malattie rare, ma così rare poi non sono: ce ne sono circa 8000 e si stima che nella sola Europa colpiscano 30 milioni di persone. Praticamente un cittadino ogni 17. Sono la distrofia muscolare, la fibrosi cistica, la SLA e migliaia di altre, malattie terribili, dai sintomi spesso molto strani e purtroppo senza cura.

    Molte di queste colpiscono anche i bambini: una delle più rare, che si manifesta in un caso ogni 8 milioni di nascite, si chiama progeria di Hutchinsin Gilford e causa un rapidissimo invecchiamento dei soggetti che ne sono affetti.

    I bambini ammalati di progeria manifestano una sintomatologia tipica di pazienti ultrasessantenni: problemi alle articolazioni, calvizie, indurimento della pelle, perdita di grasso corporeo, blocco dell'accrescimento, problemi dentali, arterioscelrosi, malattie cardiache. Quasi tutti muoiono per infarto del miocardio o arresto cardiaco in media a 13 anni e comunque entro i 20. (Le malattie più difficili da diagnosticare)

    La causa? Una Continua »di Progeria e altre malattie rare, 38 milioni di euro per la ricerca

Impaginazione

(564 articoli)
Ricerca