Il blog di Focus
  • Noc, il beluga che "parlava"

    NocNon soltanto gli uccelli imitano la voce dell'uomo. L'incredibile caso di Noc, un cetaceo che imitava l'uomo e di cui abbiamo le registrazioni. E a fine pagina, gli altri animali imitatori.

    Si chiamava Noc, era un beluga (Delphinapterus leucas), e per 30 anni ha vissuto presso la National Marine Mammal Foundation di San Diego, in California. È tornato agli onori delle cronache (e i suoi vocalizzi stanno facendo il giro del mondo) grazie a una ricerca pubblicata su Current Biology nella quale un gruppo di ricercatori ha analizzato le registrazioni dei suoi versi.

    Scopri su Focus.it: è vero che i pinguini digiunano per mesi?

    La balena che parla come gli uomini: il fenomeno a San DiegoRoma, (TMNews) - Non è fantascienza, ma è la natura che fa il suo corso. Una balena bianca, che per trent'anni ha vissuto in un acquario di San Diego, in California, è ora capace di imitare la voce umana: lo hanno annunciato dei ricercatori americani che per la prima volta hanno potuto registrare i suoni

    Continua »di Noc, il beluga che "parlava"
  • I batteri che producono oro

    (Fotolia)Potremmo chiamarli "i batteri filosofali", microrganismi capaci di trasformare qualcosa privo di valore nientemeno che in oro. Insomma, una rivisitazione in chiave moderna del sogno degli alchimisti medievali che Kazem Kashefi e Adam Brown - il primo microbiologo molecolare della Michigan State University, il secondo docente di arti elettroniche - hanno trasformato in realtà. (Gioca al piccolo chimico con la tavola periodica interattiva di Focus.it)

    Batteri golosi e generosi. Kashefi e Brown hanno scoperto che i batteri della famiglia Cupriavidus metallidurans, microrganismi estremofili che apprezzano gli ambienti ad alta concentrazione di metalli pesanti, riescono a prosperare anche in presenza di elevate quantità di cloruro aurico, un sale dell'acido cloridirico particolarmente tossico comunemente utilizzato in metallurgia e in farmacia.
    I due ricercatori hanno alimentato i loro infaticabili batteri con il cloruro aureo e nel giro di una settimana si sono trovati con una piccola

    Continua »di I batteri che producono oro
  • Zaffate di fumo o di fritto, puzza di chiuso e il delicato "effluvio" proveniente dalla sacca della palestra: a nessuno piacciono i cattivi odori che si possono diffondere in casa, ma le soluzioni chimiche a questo inconveniente potrebbero rivelarsi peggiori del problema. Molti deodoranti per ambienti - i cosiddetti "air freshener" ma anche alcuni tipi di candele profumate, bastoncini d'incenso o diffusori di aromi - contengono sostanze chimiche dannose per la salute: tra le più pericolose da segnalare troviamo gli ftalati, che in alcuni studi su roditori hanno mostrato di creare problemi a fegato, reni e allo sviluppo delle ghiandole sessuali; benzene e formaldeide, che sono stati correlati a rischio di danni neurologici e cancro; e composti organici volatili irritanti per naso, occhi e gola che possono causare mal di testa e nausea, nonché aggravare le condizioni di salute degli asmatici. Molte di queste sostanze semplicemente coprono gli odori, ma non li neutralizzano o, peggio, si

    Continua »di Come deodorare la casa nel rispetto dell’ambiente
  • Anonymous all’attacco di Facebook

    untitled_745745Facebook irraggiungibile dalle 21.30 di questa sera fino alle 22.50: chi dopo cena ha provato a collegarsi al social network, invece che la consueta pagina di login si è visto rispondere con un errore 503, il messaggio che indica l'impossibilità per il server di elaborare la richiesta dell'utente.
    E così gli utenti migrano su Twitter dove in pochi minuti gli hashtag #facebookdown e #facebookoff entrano nei primi 10 in top trend. C'è chi si dispera, chi si rallegra, chi spera in una definitiva, ma improbabile, scomparsa della creatura di Mark Zuckberg.
    Il problema riguarda gli utenti di mezza Europa: italiani, norvegesi, tedeschi, cechi e francesi.
    La situazione è tornata alla normalità verso le 22.50, con la progressiva ricomparsa della pagina di login su tutti i computer o quasi. (Dal boom al click, la guerra diventa digitale)

    Hacker o non hacker? Ma cosa è successo? Al momento è difficile dirlo.Dietro al down di Facebook potrebbe esserci stato un guasto tecnico piuttosto serio, ma

    Continua »di Anonymous all’attacco di Facebook
  • Impronte di dinosauri sulle Dolomiti

    Le impronte (La Venta)Monte Pelmo, Dolomiti. Nel corso di una veloce spedizione di ricerca nel settembre del 2011, un gruppo di geologi e speleologi dell'Associazione di Esplorazioni Geografiche La Venta, insieme allo scultore Mauro "Lampo" Olivotto, aveva individuato una possibile pista di impronte di dinosauro sullo spallone nord-est della montagna, ad oltre 3040 m di quota sul livello del mare.
    Probabilmente si trattava di una delle piste di impronte di dinosauro tra le più alte in quota rinvenute in Europa.
    [Ricostruisci un dinosauro]

    L'interesse suscitato da questa scoperta e la volontà di compiere nuove esplorazioni nelle grotte e abissi di questa montagna dolomitica ha portato all'organizzazione di una missione più corposa. Ben 14 speleologi, tra cui i geologi Francesco Sauro (scopritore delle orme nel 2011) e Luca Gandolfo, sono stati elitrasportati in due campi in quota, uno sullo spallone nord-est e un secondo all'interno del catino del Caregon, sotto la cima principale della montagna. Nel corso

    Continua »di Impronte di dinosauri sulle Dolomiti
  • Messaggi nel cielo dal satellite Niwaka

    Nei prossimi 30 giorni tutti con il naso all' insù: un satellite giapponese grande come un pacchetto di sigarette e lanciato in orbita lo scorso venerdì dalla Stazione Spaziale Internazionale, lampeggerà verso la Terra un messaggio in codice Morse grazie alle sue potenti luci led. (Com'è fatta, dentro, la stazione spaziale internazionale?)

    Interamente alimentato dall'energia solare, il piccolo apparecchio è protagonista di un importante esperimento di trasmssione dati ad alta velocità: Niwaka, questo il nome del satellite, scatterà delle fotografie del pianeta e le invierà a una stazione ricevente a terra.
    Nel corso della sua missione comunicherà ininterrottamente in codice Morse la frase "Hi this is Niwaka Japan" (Ciao questo è Niwaka Giappone). ( più belle immagini della Terra vista da satellite)

    Originariamente il lampeggio in Morse doveva essere visibile solo dal Giappone, ma nelle ultime settimane i responsabili del progetto hanno ricevuto richieste da tutto il mondo per essere

    Continua »di Messaggi nel cielo dal satellite Niwaka
  • Come è nata la vita sulla Terra

    La nebulosa Elica, NGC 7293 (NAaa)Una recente ricerca della Princeton Univeristy presentata qualche giorno fa durante lo European Planetary Sciences Congress conferma per l'ennesima volta che a portare la vita sulla Terra sarebbero stati detriti rocciosi provenienti da altre stelle o altri pianeti.

    Secondo questa ipotesi, nota come litopanspermia, forme di vita elementari sarebbero arrivate sul nostro pianeta quando il sistema solare era molto giovane, e la Terra e i suoi vicini così prossimi da riuscire a scambiarsi ingenti quantità di materiale solido contenente microrganismi viventi.
    «La conclusione del nostro lavoro - ha spiegato Amaya Moro-Martin, una delle ricercatrici che ha partecipato allo studio, - è che la litopanspermia avrebbe permesso ai sistemi planetari di scambiarsi grandi quantita' di materiale solido, e avrebbe comportato tempi che avrebbero potuto consentire la sopravvivenza dei microrganismi incorporato nei detriti». (Bioarte: quando la vita diventa... un quadro)

    Blue Marble 2012, il pianeta Terra in alta risoluzioneLa vita insomma, sarebbe arrivata

    Continua »di Come è nata la vita sulla Terra
  • Guardare foto di gattini aumenta la concentrazione

    (Fotolia)È scientifico: guardare le foto dei gattini (o di altri cuccioli) non distrae. Anzi, aumenta concentrazione e produttività sul lavoro. Lo dicono autorevoli scienziati giapponesi.

    La scoperta è il frutto di una ricerca pubblicata in questi giorni dalla prestigiosa rivista scientifica PloS One. I ricercatori hanno esaminato gli effetti esercitati dalla carineria animale (kawaii), sul comportamento umano di una cinquantina di studenti.
    [I cuccioli più belli: tutte le foto]

    Le foto dei gattini ci fanno lavorare di più
    Alle inconsapevoli cavie umane prima di diverse prove di abilità e concentrazione sono state mostrate immagini di cuccioli (cagnolini, gattini, maialino eccetera). Il risultato è stato strabiliante:  hanno ottenuto il 10% di successi in più rispetto a chi è stato mandato allo sbaraglio senza il conforto delle bestioline oppure con gratificazioni differenti, per esempio immagini di animali ma adulti e cibi vari, dalla pasta al sushi ai dolci.

    Voglia di cuccioli? Dai un occhio a queste foto!Voglia di cuccioli? Dai un occhio a queste foto!Tutto ciò dimostra, secondo gli

    Continua »di Guardare foto di gattini aumenta la concentrazione
  • Completato il primo triathlon nello spazio

    Sunita Williams (Nasa)Essere la seconda donna al mondo ad assumere il comando della ISS evidentemente non le bastava. Per vivacizzare il suo soggiorno sulla base orbitante l'astronauta statunitense Sunita Williams, un po' in ritardo rispetto alle manifestazioni olimpiche, ha deciso di cimentarsi con il triathlon. Non esattamente una passeggiata sulla Terra, figuriamoci in condizioni di microgravità.

    C'è anche chi sulla ISS fa curiosi esperimenti scientifici: guarda il video

    Un'attrezzatura speciale. La Williams, 47 anni appena compiuti, ha portato a termine l'impresa utilizzando al meglio l'equipaggiamento a bordo: una cyclette per la pedalata, un tapis roulant per la corsa e un attrezzo per allenare la resistenza che funziona più o meno come una macchina per il sollevamento pesi, ma in assenza di peso. Quest'ultima è servita per simulare la fatica che richiede la frazione del nuoto, visto che di piscine in orbita ancora non ce ne sono.
    Per coprire 29 chilometri di pedalate, 6,4 di corsa e 0,8 di nuoto

    Continua »di Completato il primo triathlon nello spazio
  • Terremoti 2012: perché l'Italia continua a tremare?

    TERREMOTI-IN-iTALIAIl terremoto che ha colpito la zona di Benevento alle 3:08 ha avuto la sua massima espressione con una scossa valutata di magnitudo 4.1.
    È stato sentito molto bene dalla popolazione non solo perché colpita nel sonno, ma anche perché l'epicentro era molto vicino alla superficie, essendo stato localizzato a 11,4 km di profondità.

    Nelle ore che sono succedute all'evento primario, altre scosse si sono succedute con intensità massima di magnitudo fino a 3.7. Una scossa che ricade in una fascia ritenuta ad alto rischio sismico nelle carte dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (vedi cartina). L'area infatti è fortemente compressa e quindi ricca di faglie che scaricano l'energia che si accumula nel tempo
    [Che cosa fare in caso di terremoto]

    Migliaia di sismi. Ma dopo il terremoto dell'Emilia Romagna del mese di maggio e le numerose scosse anche superiori a magnitudo 4, cosa si è verificato sotto la nostra penisola? Il numero di terremoti che si sono verificati da allora sono

    Continua »di Terremoti 2012: perché l'Italia continua a tremare?

Impaginazione

(564 articoli)
Ricerca