Il blog di Focus
  • Le lenti a contatto del futuro

    lenti a contatto del futuroUna nuova generazione di lenti a contatto farà molto di più che correggere i difetti della vista o il colore degli occhi: sono le smart lens, un dispositivo diagnostico di nuova concezione a metà strada tra la medicina e... la realtà aumentata. Sì, avete capito bene, perchè queste lenti intelligenti non solo sono in grado di misurare il livello glicemico o la pressione oculare in pazienti affetti da diabete o glaucoma, ma sono anche in grado di "proiettare" direttamente l'informazione nell'occhio del paziente. (Guarda le più belle foto... di occhi)
    Babak Parviz, un ricercatore della Washington University di Seattle, ha recentemente realizzato una smart lens equipaggiata con microscopici sensori in grado di rilevare il livello di glucosio delle lacrime che corrisponde a quello del sangue. L'informazione viene visualizzata direttamente sull'occhio dell'interessato tramite una serie di led luminosi, impercettibili quando sono spenti. Fantascienza? No realtà. (Scopri come vedono gli

    Continua »di Le lenti a contatto del futuro
  • Uno zoo in fuga

    scimmia caponeC'è Ken Allen, l'orangutan che si divertiva a fuggire dalla sua gabbia per dimostrare agli umani di essere più furbo di loro, c'è Virgina, la lupa scappata dallo zoo di Los Angeles e (forse) mai più ritrovata (sai distinguere un lupo da un cane? Sì? mettiti alla prova qui), e Leona la pinguina (guarda la fotostoria del durissimo viaggio dei pinguini), che si è salvata per miracolo dalle fauci di un... leone.
    Chiamateli bioparchi, chiamateli riserve, ma tutto ciò che ha recinti e sbarre per gli animali è sempre e comuque una prigione. E molti di loro, proprio come i protagonisti del famoso cartone animato, tentano di riconquistare la libertà in modo rocambolesco. In un articolo recentemente pubblicato, il settimanale Time racconta le fughe dagli zoo più clamorose della storia, come quella della scimmia Capone, che ha guidato le sue 170 compagne di prigionia verso la libertà, oppure Nikika, l'ippopotamo che è scappato dal suo recinto approfittando di

    Continua »di Uno zoo in fuga
  • saltare per spostare il mondoGli abitanti del pianeta Terra sono troppo pochi, o troppo leggeri, perchè un loro salto, anche coordinato e contemporaneo, possa avere un effetto minimo ma misurabile sulla traiettoria e sulla rotazione del pianeta. Basta fare qualche semplice calcolo: sulla Terra ci sono 7 miliardi di persone. Se ipotizziamo una massa media di 60 kg, la massa totale di tutti gli abitanti del pianeta è di 4,2x1011 kg. (Guarda i salti più spettacolari del mondo)Dato che la massa della Terra è di 6,0x1024 kg, risulta essere 1,42x1013 volte quella dei suoi abitanti. L'effetto che questi ultimi potrebbero avere saltando, è quindi trascurabile e paragonabile a quello che potrebbe avere una zanzara posandosi su un'incrociatore da 28.000 tonnellate. E se la Terra smettesse di girare? Scopri cosa potrebbe succedere

    In più
    - le 5 fini del mondo mai avverate

    ©  foto Eole

    Continua »di Se tutti gli abitanti della Terra saltassero contemporaneamente, la rotazione e la posizione del pianeta cambierebbero?
  • I temporali che creano antimateria

    I temporali terrestri creano antimateria, cioè particelle identiche a quelle che formano la materia, ma simmetriche e con carica elettrica opposta.

    Ipotizzata da Paul Dirac alla fine degli anni '20 e verificata sperimentalmente nel 1932, potrebbe essere molto più comune di ciò che gli scienziati si aspettavano. Le ultime evidenze scientifiche hanno infatti dimostrato che l'antimateria non esiste solo all'interno del Sole, degli acceleratori di particelle o di altri complicati apparecchi scientifici, ma viene prodotta in grandi quantità durante i normali temporali terrestri (come nasce l'antimateria sul Sole? Scoprilo qui).

    La scoperta è stata effettuata grazie al telescopio spaziale Fermi, in grado di rilevare le emissioni di raggi gamma. Che i temporali emettessero flash di raggi gamma è noto da tempo, ma qualche giorno fa Fermi ha rilevato un'emissione di queste onde elettromagnetiche particolarmente potente. Gli scienziati hanno scoperto che era prodotta da fasci di positroni,

    Continua »di I temporali che creano antimateria
  • Abbiamo rovinato il clima per i prossimi 1000 anni

    riscaldamento globaleStavolta l'abbiamo combinata grossa: secondo uno studio condotto dall' Università di Vittoria (Canada), se anche da oggi il mondo adottasse uno stile di vita "a emissioni zero", i livelli di CO2 continuerebbero a salire per i prossimi mille anni. La ricerca, pubblicata sull'ultimo numero di Nature, analizza l'impatto ambientale di un'economia completamente verde e si domanda se e quando questa potrebbe portare a un'inversione dei cambiamenti climatici in atto. (Guarda i progetti industriali ed energetici più inquinanti del mondo. E inorridisci)
    Lo scenario presentato dagli scienziati è piuttosto inquietante: Nord Africa e altre zone più meridionali del globo potrebbero infatti assistere a un incremento della desertificazione anche del 30% e gli oceani potrebbero scaldarsi di altri 5°C provocando un ulteriore scioglimento dei ghiacci artici e un conseguente innalzamento delle acque. Nel Nord Europa e nella parte più settentrionale del mondo le cose potrebbero invece andare un po'

    Continua »di Abbiamo rovinato il clima per i prossimi 1000 anni
  • I bambini vedono già nel pancione

    nascituroI bambini inziano a vedere già dentro alla pancia della mamma, almeno dal settimo mese in poi. Lo afferma in un recente studio, Marco del Giudice, ricercatore presso il dipartimento di Psicologia dell'Università di Torino. "Ho misurato la quantità di luce che passa attraverso vari tessuti corporei (muscolo e grasso) e diversi tipi di vestiti poi ho creato un semplice modello basato sullo spessore della 'pancia' della madre e sulla presenza o meno di vestiti", ha spiegato del Giudice ai media. (Vuoi dare uno sguardo dentro al pancione? Clicca qui)
    Si tratta della prima ricerca in questo ambito mai effettuata: fino a oggi gli scienziati ritenevano che il grembo materno fosse troppo buio per permettere di vedere qualcosa. In realtà i bambini, quando sono nella pancia della mamma, sono molto attivi e, a modo loro, riescono anche a comunicare: sono ricettivi agli odori, ai suoni e agli stimoli tattili, per esempio al tocco della mano.(Poppate di gruppo, baby-yoga, incontri di sumo per

    Continua »di I bambini vedono già nel pancione
  • Come far piovere nel deserto

    dromedariE se nel deserto iniziasse a piovere? Ovviamente non sarebbe più deserto. È da sempre il sogno delle popolazioni che vivono nei pressi delle zone aride e che presto potrebbe diventare realtà. Un team di scienziati alle dipendeze del governo degli Emirati Arabi qualche giorno fa ha dichiarato di essere riuscito a creare nel corso del 2010 ben 50 acquazzoni nella zona di Al Ain, e quasi tutti tra luglio e agosto, quando le precipitazioni in quella zona sono storicamente pari a zero. (Scopri tutte le curiosità sui deserti: abitanti, animali, sport che vi si praticano).
    I ricercatori si sono serviti di grandi ionizzatori simili a enormi scheletri di ombrello montati su pali di acciaio per diffondere nell'aria secca del deserto dei flussi di particelle caricate negativamente. Queste hanno la naturale tendenza ad attaccarsi ai granelli di polvere presenti nell'aria, che grazie alle correnti calde raggiungono in poco tempo la zona di formazione delle nubi. Qui l'aria umida dell'atmosfera si è

    Continua »di Come far piovere nel deserto
  • 2011: l’anno del Sole

    soleIl 2011 per il Sole sarà l'anno del risveglio. Dopo anni di relativa tranquillità la nostra stella si sta infatti preparando a un periodo piuttosto turbolento nel quale non mancheranno manifestazioni spettacolari e probabilmente anche violente. Ad affermarlo sono gli esperti dello Space Weather Prediction Center presso la US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).
    Non tutti lo sanno, ma il Sole alterna cicli lunghi circa 11 anni nei quali passa dalla calma piatta o quasi, alla massima attività. (Guarda le immagini più spettacolari del Sole in questo eccezionale video). Gli scienziati lo hanno determinato in oltre due secoli di osservazione delle macchie solari, il cui andamento sulla superficie dell'astro è legato a potenti forze magnetiche. (Scopri tutto sulle macchie solari e guardale da molto vicino) In realtà l'ultimo ciclo è inziato nel 1996 e si sta concludendo proprio solo in questi mesi. Gli scienziati si stanno interrogando sul perchè sia stato così lungo, ma

    Continua »di 2011: l’anno del Sole
  • Il fiume verde fluorescente

    fiume verde fluoUno scherzo di pessimo gusto, al limite dell'eco terrorismo. Sembra essere questa la causa dello strano fenomeno che il giorno di Capodanno ha colorato di un impressionante verde evidenziatore le acque del Goldstream River, un fiume situato nell'omonimo parco 16 km a nordovest di Victoria, in Canada.

    Il fiume, noto in tutto il mondo per i salmoni che ne risalgono le rapide nella stagione della riproduzione, si è improvvisamente tinto di verde fluorescente. Fortunatamente le squadre di pronto intervento subito mobilitate dal ministero dell'ambiente non hanno trovato nè pesci nè uccelli morti (Cosa sta uccidendo uccelli e pesci in molte parti del mondo? Te lo spieghiamo qui). Qualche ora prima, lo stesso strano fenomeno aveva colpito le acque di una fontana in una cittadina non distante. (Ecco i fiumi più inquinati d'Italia... C'è anche quello vicino a te?)

    Dall'analisi delle acque è emerso che il fiume è stato colorato con fluoresceina, un composto chimico non tossico solitamente

    Continua »di Il fiume verde fluorescente
  • Perchè il cervello dell’uomo si sta rimpicciolendo?

    cervelloIl nostro cervello è più piccolo rispetto a quello dei nostri progenitori che ci hanno preceduto 20 o 30.000 anni fa. È il risultato recentemente reso noto da un gruppo di scienziati sulla base di numerose evidenze fossili.
    Nel corso dell'evoluzione il cervello della specie "homo", dopo essere progressivamente aumentato in volume, ha inziato a ridursi. Il più dotato è stato l'uomo di Cro-Magnon, vissuto in Europa circa 30.000 anni fa, che aveva un cervello del 10% più grande del nostro.(Il tuo cervello è in forma? Scoprilo con questo test interattivo). Ma che senso ha, dal punto di vista evolutivo, una riduzione della massa cerebrale? Gli esperti hanno elaborato varie teorie.
    Per David Geary, comportamentalista e di docente di Scienze Psicologiche all' Univeristà del Missouri, sarebbe la prova che stiamo diventando sempre più... tonti: la crescente complessità delle interazioni e dei rapporti sociali che ha contraddistinto la storia umana ha reso

    Continua »di Perchè il cervello dell’uomo si sta rimpicciolendo?

Impaginazione

(557 articoli)
Ricerca