Il blog di Focus
  • Tutti hacker con la supercolla

    Metti una designer inglese con la passione per l'hacking (espressione che questa volta non c'entra niente con i computer ma indica la passione per la modifica degli oggetti al fine di renderli più funzionali. Insomma, un fai-da-te un po'spinto), metti che questa designer è anche amica di un ingegnere dei materiali e che entrambi hanno fiuto per il business. Il risultato? Sugru, una specie di pongo supertecnologico, ultra resistente, impermeabile e praticamente industruttibile che può essere utilizzato per fare qualunque cosa: dall'incollaggio permanente di qualunque materiale, al rimodellamento di parti rotte di oggetti di uso comune (scopri la gomma che si ripara da sola e i materiali camaleonte).

    (Sai perchè la colla appiccica? Te lo spieghiamo qui)

    Dal manico della tazzina al pedale della bicicletta, dall'impugnatura di un attrezzo da giardino a un supporto per ricaricare l'iPod. Sugru è ideale per cambiare forma a cose o attrezzi rendendoli piu' comodi o facili da

    Continua »di Tutti hacker con la supercolla
  • Eroi di un’altra televisione

    fonzie"C'erano una volta tre ragazze che frequentavano l'accademia di polizia...": iniziano così gli episodi delle Charlie's Angels, la serie televisiva che insieme a tante altre ha intrattenuto due generazioni di telespettatori. Ma dove sono finiti i protagonisti dei vecchi telefilm che hanno fatto la storia della televisione? In realtà solo pochi di loro hanno avuto successo: alcuni sono morti, altri si sono dati all'alcol, qualcuno si è buttato in politica mentre molti sono semplicemente spariti dal palcoscenico.
    Tra chi non è più in vita ricordiamo Farrah Fawcett (uno degli angeli di Charlie) uccisa dal cancro, così Gene Anthony Ray, il ballerino Leroy della scuola per giovani talenti di Saranno famosi (realizzato dal 1982 al 1987). Della stessa serie nel 2001, a 81 anni, è deceduto anche Albert Hague, il prof di musica Shorofsky. Cast ormai senza protagonisti per Fantasilandia (1977): è morto nel gennaio 2008 Ricardo Montalban, Mr. Roarke nella serie (il

    Continua »di Eroi di un’altra televisione
  • I più strani dei sette mari

    pesce nasutoChi abita negli abissi marini e nelle profondità degli oceani? Quante sono le specie marine che vivono nascoste nelle acque più inaccessibili? Sono queste le domande che, 10 anni fa, hanno dato il via a Census of Marine Life, la più completa e approfondita ricerca sulla biodiversità marina mai condotta nella storia.
    I numeri che descrivono lo studio sono impressionanti: 10 anni di ricerche, 2700 scienziati da 80 paesi, 540 spedizioni scientifiche, 30.000.000 di osservazioni, 120.000 specie descritte, 2600 articoli pubblicati.
    Il progetto si è concluso da qualche settimana e lo scorso 4 ottobre sono stati resi noti i risultati: la ricerca ha sondato ogni angolo di mare scoprendo ben 6000 nuove specie, tra cui molte curiose e dalle caratteristiche strane.

    Per esempio il gelatinoso pesce nasuto della foto qui accanto, il Psychrolutes microporos. Vive nelle acque della Zelanda tra 1000 e 1300 metri di profondità. Non ha muscoli e quindi non può nuotare: galleggia a pochi

    Continua »di I più strani dei sette mari
  • Le tecnologie automobilistiche che possono salvarti la vita

    Le statistiche non lasciano spazio a dubbi: tranne rari casi, gli incidenti stradali avvengono per colpa di chi guida. Distrazione, scarsa cura per la manutenzione del veicolo e per le più elementari regole del codice della strada, luoghi comuni e comportamenti sbagliati sono le cause più comuni dei quasi 600 incidenti stradali che ogni giorno, solo nel nostro paese, lasciano sull'asfalto 13 morti e 850 feriti. (clicca qui per vedere statistiche e numeri sulla sicurezza stradale) La soluzione più semplice per evitare questa strage quotidiana sembra essere quella di sostituire questi autisti sbadati e dall'errore facile con qualcuno (o qualcosa) insensibile al richiamo della velocità e programmato per non sbagliare mai. In pratica un robot.

    Ma secondo gli esperti prima di poter entrare in una concessionaria e ordinare un'auto capace di viaggiare senza conducente passeranno come minimo altri 10 anni. Già oggi esistono però in commercio numerosi dispositivi capaci di amplificare le nostre

    Continua »di Le tecnologie automobilistiche che possono salvarti la vita
  • Sperimentazione animale: il punto della situazione

    sperimentazione animaleOgni anno in Europa 12 milioni di animali (900.000 in Italia) vengono utilizzati nei laboratori di ricerca. Servono per testare farmaci, cosmetici, sostanze chimiche e persino armi. Ma servono davvero? La comunità scientifica è divisa: secondo alcuni sono vittime innocenti di una strage inutile, secondo altri sono elementi indispensabile per sviluppare medicine ma anche prodotti chimici e tecnologici che siano assolutamente sicuri per l'uomo. Il dibattito tra i due fronti opposti è aperto.
    Non li ha riavvicinati nemmeno la nuova normativa sulla sperimentazione approvata dall'Unione Europea lo scorso 8 settembre, perchè se da un lato incentiva l'utilizzo dei metodi alternativi e impone a chi sperimenta sugli animali di chiedere apposite autorizzazioni, dall'altro concede numerose deroghe che permettono per esempio di utilizzare gli animali randagi (in Italia è proibito dal 1991 e sarà ancora così) o quelli in via d'estinzione, anche catturandoli in natura.

    Continua »di Sperimentazione animale: il punto della situazione
  • Quando gli scienziati barano

    asinoAnche gli scienziati barano: lo affermano alcuni studi secondo cui il 9% dei ricercatori falsifica i risultati di esperimenti e test per raggiungere rapidamente la pubblicazione, la fama, e possibilmente i soldi.

    (Sei un credulone? Mettiti alla prova con il bufalometro )

    Ogni anno i falsi scientifici sarebbero ben 2000 e nel corso della storia si è visto davvero di tutto: antropologi che hanno sotterrato reperti posticci, ingegneri che hanno costruito auto ad acqua e dittatori che hanno costretto poveri contadini a spacciarsi per uomini delle caverne.
    Incredibile? No, è tutto vero. In questa puntata di Focus On Top vi presentiamo le 5 bufale scientifiche più clamorose.

    Per saperne di più:
    La scienza taroccata: tutto sui falsi scientifici
    I migliori pesci di aprile scientifici organizzati dai media
    Le 5 leggende metropolitante sulla salute

    ©  foto Klearchos Kapoutsis

    Continua »di Quando gli scienziati barano
  • Il mondo visto con gli occhi degli animali

    occhi camaleonteCome vedono gli animali? La domanda non è banale: se da un lato tutti possiedono occhi, dai mammiferi agli invertebrati (persino le meduse dispongono di cellule sensibili alla luce), dall'altro ciascun animale percepisce in modo differente ciò che lo circonda.

    La talpa vede bene solo da vicino e nel buio della sua tana sotterranea, i cani non riconoscono i colori ma vedono meglio in penombra, mucche e bovini vedono come l'uomo ma non distinguono il rosso, gli insetti non distinguono le forme ma vedono un maggior numero di immagini fisse al secondo (circa 200 rispetto alle 18 dell'uomo: per questo un movimento che a noi sembra rapido per una mosca è come se fosse al rallentatore), mentre i serpenti vedono annebbiato ma riescono a distinguere le prede a sangue caldo mediante speciali recettori termici. Guarda che effetto fa vedere il mondo con gli occhi degli animali.

    Anche se la funzione della vista è la stessa per tutti (procurarsi il cibo e sopravvivere ai pericoli), gli

    Continua »di Il mondo visto con gli occhi degli animali
  • Perchè il latte è bianco?

    latteIl latte è fatto all'87% da acqua e per il restante 13% da grasso e proteine, tra cui la caseina. Ed è proprio questa sostanza che ci fa vedere il latte bianco opaco anzichè trasparente. Le particelle di caseina sono infatti idrofobe, cioè non si sciolgono nell'acqua, e si aggregano tra loro in strutture sferiche del diametro di un micron dette micelle. Le micelle anzichè assorbire la luce la riflettono, conferendo così al latte il caratteristico colore bianco.

    Tutti i segreti del latte sono qui

    Al candore del latte contribuisce anche la frazione lipidica di sostanze in esso contenute, che riflette principalmente la lunghezza d'onda della luce blu. Ecco perchè il latte scremato e parzialmente scremato, con un basso tenore di grassi, hanno un colore bianco meno intenso rispetto al latte intero, e possono avere anche qualche timido riflesso azzurognolo (niente a che vedere comunque con le mozzarelle blu protagoniste delle cronache di qualche mese fa).

    Alcune

    Continua »di Perchè il latte è bianco?
  • 10 cose che non sai… sul water

    waterTutti le utilizzano ma nessuno ne parla. E in effetti la toilette non è certo uno degli argomenti di conversazione più gettonati. Eppure dietro questo oggetto d'arredo assolutamente indispensabile c'è un mondo di curiosità, di tecnologia e, perché no, di cultura.

    (Scopri in questo slideshow le toilette più strane e pazze del mondo)

    Qui di seguito 10 cose che probabilmente non sapete sul water e dintorni.
    1. La prima toilette con acqua corrente di cui si abbia notizia risale a Minosse, Re di Creta, che se ne fece costruire una ben 3000 anni prima di Cristo. La diffusione su larga scala del water così come lo intendiamo oggi si deve invece a Thomas Crapper, un idraulico londinese del XVIII secolo.
    2. Secondo le statistiche passiamo seduti sul water circa 3 anni della nostra vita. Non c'è da stupirsi che negli Stati Uniti ci sia una casa editrice, la Bathroom Reader, specializzata nella pubblicazione di libri da leggere … mentre si sta seduti lì.
    3. La maniglia di un bagno

    Continua »di 10 cose che non sai… sul water
  • Tutte le fobie più strane

    ragnoCi sono paure che a solo a sentirle nominare fanno ridere: chi potrebbe aver paura dei frutti di mare (ostraconofobia)? O della verdura (lachanofobia) o... degli angoli di case e palazzi (gonofobia)?
    Eppure, per chi soffre di queste fobie, oggetti assolutamente innocui come una cozza, una carota o uno spigolo si trasformano in incubi terrificanti, rendendo la vita di tutti i giorni una specie di film dell'orrore. Perchè se aver paura dei serpenti o degli ascensori troppo piccoli è socialmente accettato, temere tremendamente le ginocchia proprie e altrui (genufobia) o gli scalini (batmofobia), può rendere difficile avere un lavoro e condurre una normale esistenza in mezzo agli altri.
    Si tratta quindi di disturbi un po' insoliti, ma sicuramente seri e invalidanti, che possono colpire un po' tutti, indistintamente.
    "La paura è democratica", afferma Giorgio Nardone, psicologo, psicoterapeuta e direttore del Centro di Terapia Strategica di Arezzo (un istituto di ricerca, training

    Continua »di Tutte le fobie più strane

Impaginazione

(557 articoli)
Ricerca