Il blog di Focus
  • (Fotolia)Dal punto di vista logico, non ha nessun senso. Perché mai una pillola di zucchero colorata dovrebbe non solo darci la sensazione di stare meglio, ma anche - in alcuni casi - funzionare? L'effetto placebo, la serie di reazioni messe in moto dall'organismo in risposta a una terapia, anche se quella terapia non ha alcun principio attivo, desta da sempre molte domande all'interno della comunità scientifica. Un nuovo studio pubblicato su Evolution and Human Behaviour potrebbe aiutarci a comprendere meglio perché talvolta è davvero efficace (scopri anche come funziona).

    Tergiversare per una buona causa. In base a una simulazione computerizzata elaborata da Peter Trimmer, biologo dell'Università di Bristol, per attivare il sistema immunitario e combattere le piccole infezioni che attaccano l'organismo, uomo e animali devono mettere in gioco risorse vitali importanti per la sopravvivenza. In alcuni casi può essere pertanto meno dispendioso, dal punto di visto evolutivo, aspettare

    Continua »di Ecco come funzionano i placebo e perchè sono efficaci
  • (Fotolia)Dopo uno studio durato ben 18 anni l'Agenzia Spaziale Europea è riuscita a definire un quadro preciso dell'aumento del livello dei mari. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare la crescita del livello marino non è uguale su tutti i mari della Terra.
    Se la media è di 3 mm all'anno, attorno alle Filippine e giù, giù fino al Borneo (vedi cartina della pagina) l'aumento del livello marino raggiunge i 10 mm all'anno.
    E nel Mediterraneo? La situazione, contrariamente a tutti i toni allarmistici, non è delle peggiori. L'aumento non è superiore alla media, anzi in alcuni punti il livello del mare diminuisce.
    Questo avviene soprattutto nel Mar Ionio (osserva ancora con attenzione la cartina). In realtà pochissima acqua entra in quantità maggiori dallo Stretto di Gibilterra in quanto l'acqua che arriva dalla Groenlandia tende a rimanere nell'Oceano Atlantico, aumentando il livello di quest'ultimo. Ciò non toglie che si debba abbassare il livello di guardia, ma non bisogna sempre fare

    Continua »di I mari si stanno alzando, ma il Mediterraneo è tra i meno colpiti
  • Overshoot day 2012: esaurite le risorse rinnovabili del pianeta

    Un anno fa, in questi giorni stavamo esaurendo le risorse rinnovabili di un anno. Nel 2012 siamo andati peggio: le abbiamo finite il 22 agosto.

    Il nostro debito col pianeta si fa sempre più pesante. Per la Terra il 28 agosto 2012 è stata una ricorrenza tristemente significativa: era l'Overshoot Day, la giornata in cui ufficialmente si esauriscono le risorse rinnovabili che il pianeta è in grado di generare in un anno. In meno di otto mesi abbiamo fatto fuori la scorta di dodici e per il resto dell'anno dovremo vivere a sbafo. Consumando beni naturali che il nostro pianeta non è in grado di rigenerare, tagliando foreste che servono a riossigenare l'aria che respiriamo, pescando pesci che nei nostri mari già scarseggiano, prelevando acqua da fonti che non si ricaricano. (Quanto ami la Terra? Scoprilo con un test)

    Earth Overshoot day:un debito grande quanto la terraCalcola qual e' la tua impronta ambientale su www.footprintnetwork.org

    Credito esaurito. La Terra mette costantemente a

    Continua »di Overshoot day 2012: esaurite le risorse rinnovabili del pianeta
  • Le minacce al pesce pagliaccio

    Il cambiamento climatico che minaccia la salute e la sopravvivenza delle barriere coralline sta mettendo a rischio molte piccole specie ittiche, tra cui il pesce pagliaccio ( Amphiprion percula), reso celebre in tutto il mondo dal cartone aniamato "Alla ricerca di Nemo".
    Pochi giorni fa il Center for Biological Diversity ha chiesto che il simpatico pesciolino venga incluso, insieme ad altre sette specie di barriera, tra gli animali a rischio di estinzione. (Ventimila creature sotto i mari: ecco i più incredibili abitanti degli abissi)

    "Le temperature in aumento e la progressiva acidificazione degli oceani stanno distruggendo l'habitat del pesce pagliaccio. Se non vogliamo che sopravviva solo nei film di animazione dobbiamo assolutamente proteggerlo" ha dichiarato alla stampa Shaye Wolf, direttore dell'istituto di ricerca che ha presentato la petizione.
    Le barriere coralline sono le foreste degli oceani e le sempre maggiori quantità di CO2 assorbite dalle acque le stanno mettendo a

    Continua »di Le minacce al pesce pagliaccio
  • La temperatura più alta mai registrata sulla Terra e in Italia

    La Death ValleySe fino ad oggi cercate in qualunque libro di climatologia qual è stata la temperatura più alta mai registrata incorrerete in questo dato: 58 °C, registrata il 13 settembre 1922 a El Azizia, in Libia.
    Ma da sempre i meteorologi e i climatologi contestano questo dato perché sembra che esso non sia stato ottenuto in modo corretto. "Abbiamo trovato errori eclatanti nella lettura di quel valore", spiega Randy Cerveny, climatologo per gli "eventi estremi" presso il World Meteorological Organization e che ufficializza i record climatici. (Se i record climatici ti appassionano, guarda anche i record più strani)

    Ma allora qual è il record per la temperatura più alta?
    Ufficialmente è quella registrata a Greenland Ranch, nella Valle della Morte, in California, il 10 luglio 1913 e che segnò i 56,7 °C. Ma come è possibile che un dato di quasi 100 anni fa sia più corretto di uno raccolto 90 anni or sono? "Nel cuore di ogni meteorologo e climatologo batte un cuore da detective e per questo siamo

    Continua »di La temperatura più alta mai registrata sulla Terra e in Italia
  • Asteroidi, il 14 settembre due passano vicino alla Terra

    (Nasa)Due asteroidi stanno viaggiando a velocità sostenuta verso il nostro pianeta e il 14 settembre raggiungeranno la distanza minima da noi. Ma niente paura: passeranno a qualche milione di chilometri dalla Terra e non sono assolutamente pericolosi.
    Il primo, 12 QG42, ha un diametro di 300 metri e viene dalla fascia degli asteroidi compresa tra Marte e Giove e nella giornata di oggi passerà a "soli" 2,8 milioni di km da noi, praticamente 7,4 volte la distanza Terra-Luna.
    Il secondo invece è molto più grande: secondo le stime ha un diametro di 1,1 km e passerà a più di 8,5 milioni di km da noi, ma sarà visibile solo dall'emisfero australe. (Alla scoperta di Aquarius, il laboratorio sottomarino dove si combattono gli asteroidi)

    2012 QG42 sarà invece visibile anche dall'Italia: cielo permettendo e con un telescopio da almeno 25 centimetri di diametro potrà essere osservato anche alle nostre latitudini. Per vederlo basterà puntare gli strumenti tra le stelle di Ercole e dell'Acquario, dove la

    Continua »di Asteroidi, il 14 settembre due passano vicino alla Terra
  • Esplosione su Giove, un lampo nell'atmosfera: asteroide o cometa

    Un lampo, un'esplosione: è quello che hanno osservato nelle ultime ore astronomi e astrofili osservando Giove al telescopio, in attesa del passaggio di due asteroidi in prossimità della Terra.

    Ma che cosa è successo su Giove? L'ipotesi che viene considerata come la più realistica è quella che vuole che un asteroide sia stato catturato dalla gravità del pianeta gigante e sia perciò precipitato su di esso. Non è la prima volta che un fenomeno del genere viene osservato su Giove: l'ultima volta fu nel giugno 2010.

    In entrambi i casi, però, è nulla in confronto a quanto il mondo intero ebbe modo di osservare nel 1994, quando la cometa Shoemaker-Levy 9 dopo essere stata catturata dalla gravità gioviana ed essere stata spezzata in una ventina di grossi frammenti, precipitò su Giove bombardando letteralmente la sua "superficie" gassosa. (Nebulose, stelle, pianeti: le più belle immagini scattate da Hubble)

    jupiter_impact_2012-09-10_731575Ancora una volta, tuttavia, il fenomeno riporta all'attenzione il problema degli

    Continua »di Esplosione su Giove, un lampo nell'atmosfera: asteroide o cometa
  • Meteoriti pericolosi per la Terra: modificano l'atmosfera

    Le perseidi nella Via Lattea (Nasa)I meteoriti non sono solo pericolosi per i danni che potrebbero causare con la loro caduta, ma possono diventare preziosi alleati degli scienziati nello studio delle origini del nostro e degli altri pianeti. Lo sostiene Paul Withers, ricercatore all'Università di Boston, che da qualche tempo sta studiando ciò che accade agli strati superiori delle atmosfere della Terra, di Venere o di Marte durante e dopo il passaggio di una roccia spaziale. (Speciale Curiosity: le immagini e i segreti dell'ultimo rover mandato su Marte)

    Il ferro venuto dallo spazio. L'atmosfera di questi pianeti è costituita principalmente da elementi leggeri come l'ossigeno, la CO2 e i nitrati e quando viene attraversata da particelle solide, polvere o vere e proprie rocce vaganti, si arricchisce di elementi più pesanti come il ferro, il silicio o il magnesio. Questo può avere effetti significativi sulla dinamica dei venti e sulla circolazione dell'aria all'interno dell'atmosfera stessa.
    La parte più alta

    Continua »di Meteoriti pericolosi per la Terra: modificano l'atmosfera
  • La più grande eruzione solare

    sole2_728384Il Solar Dynamics Observatory (SDO) della Nasa ha ripreso un'enorme eruzione solare avvenuta il 31 agosto 2012. L'esplosione e il successivo collasso ha scagliato uno sciame di particelle nello spazio che - interagendo con la magnetosfera - ha generato una moderata tempesta geomagnetica il 4 settembre. Ecco le immagini dell'incredibile esplosione solare.

    Guarda anche: Il sole è un opera d'arte - Come funziona l'Hubble del Sole - Le più belle foto di aurore boreali

    Il 31 agosto 2012 un incredibile brillamento solare è stato osservato dal Solar Dynamics Observatory, un potentissimo telescopio solare (è soprannominato l'Hubble del Sole) in orbita attorno alla nostra stella.
    Quando avviene il brillamento, l'energia rilasciata — paragonabile a quella di miliardi di tonnellate di tritolo — fuoriesce sotto varie forme: soprattutto raggi gamma e raggi X, ma anche particelle come elettroni e protoni.
    In questo caso l'emissione di massa coronale (detta anche CME, coronal mass ejections) non era

    Continua »di La più grande eruzione solare
  • Cosa c'è nel cibo per gatti

    (Fotolia)I croccantini contengono principalmente carne di vario tipo (pollo, tacchino, manzo, coniglio, agnello) o pesce, in genere sotto forma di farine animali. A questi, in proporzioni diverse a seconda dei tipi e delle marche, si possono aggiungere molti altri ingredienti. I principali sono: grassi animali, alcuni sali (cloruro di sodio e di potassio, solfati di ferro, ossidi di rame ecc.), vitamine (quelle importanti per i gatti sono la A, quelle del gruppo B, la D e la K), riso, farina di mais e glutine.
    (Perché ai gatti piace così tanto mangiare pesce? - Perché il gatto fa le fusa e come riesce a farle?)

    A ciascuno il suo
    La composizione dei croccantini può variare a seconda delle esigenze del gatto. Ne esistono per esempio di ipocalorici per gatti anziani (che fanno poca attività) o tendenti all'obesità, arricchiti con antiossidanti per mantenere il pelo più lucido, e contenenti fibre vegetali per facilitare la digestione. (Sai cosa mangia il tuo cane?)

    Da non perdere: le più belle foto

    Continua »di Cosa c'è nel cibo per gatti

Impaginazione

(564 articoli)
Ricerca