Il blog di Focus

Perché le dita raggrinziscono in acqua?

Vi sarà capitato innumerevoli volte in piscina o al mare, persino quando rimanete a mollo per ore nella vasca da bagno: la pelle dei polpastrelli irrimediabilmente si raggrinzisce formando delle curiose pieghe. Non che sia un problema, ma il fenomeno ha da sempre incuriosito gli scienziati. Che ora sembrano aver scoperto il perché di questa reazione.
I ricercatori dell'Università di Newcastle hanno stabilito che le pieghe sono un adattamento evolutivo utile a migliorare la presa quando si sta in acqua. Gli scienziati hanno fatto svolgere un esperimento a un gruppo di volontari: raccogliere una serie di oggetti in marmo immersi nell'acqua e farli passare per piccole fessure. I volontari con le dita avvizzite sono riuscite a svolgere il loro compito molto più velocemente degli altri.

Che cos'è la pelle d'oca? Perché le donne hanno le natiche grandi? Qual è la dimensione "giusta" del pene? Numeri e curiosità sul corpo umano

Non si scivola
Come ha mostrato uno studio precedente pubblicato su Brain, Behaviour and Evolution, le pieghe non sono comunicanti fra loro. Per questo, quando il dito preme su una superficie dura (per esempio, se si cerca di afferrare un oggetto) l’acqua scivola via creando una maggiore superficie di contatto, il che agevola la presa. In altre parole le rughe agiscono come il battistrada negli pneumatici.

Guarda le zampe (e le dita) più curiose degli animali

Questione di nervi
L’avvizzimento delle mani in acqua è un fenomeno sempre reversibile, controllato dal sistema nervoso. Ne è la prova il fatto che, se i nervi dell’ultima parte della dita sono lesionati, le dita a mollo non raggrinziscono. Ma concretamente da quale fenomeno è causato?

Dita gonfie
La pelle si raggrinzisce quando facciamo il bagno perché si gonfia d’acqua. Lo strato corneo, la parte più superficiale della pelle, è costituito da cheratina, una proteina che per sua natura si lega all'acqua e alle sostanze grasse. Quando immergiamo le mani a lungo, la cheratina assorbe acqua e si gonfia, cosa che non accade invece negli strati sottostanti della pelle. Il risultato è che lo strato corneo diventa più ampio rispetto alla superficie sottostante, e di conseguenza forma delle pieghe. Il fenomeno è chiaramente visibile sulle mani e sui piedi perché in questi punti la cheratina è più abbondante che in altre parti del corpo. Anche i capelli e le unghie sono ricchi di cheratina, ma hanno una struttura differente. Tuttavia anche in queste parti del corpo l’acqua si lega alla proteina: le unghie diventano più morbide e i capelli più ricci.

Che pelle hai? Scopri il tuo fototipo

Paperella gigante arriva nel porto di SydneyQuale modo migliore per attirare l’attenzione dei Sydneysiders sull’imminente festival estivo dal 5 al 23 gennaio che vedrà il Darling Harbour trasformarsi in un’enorme vasca da bagno. Il video.

Ricerca

Le notizie del giorno