Foto Blog
  • Poveglia, in vendita l’isola maledetta di Venezia – FOTO

    L'isola di Poveglia è in vendita al miglior offerente. Lo ha stabilito lo Stato, che per fare cassa ha deciso di mettere all'asta l'isola dalle mille e più leggende da brividi. Situata a sud della costa di Venezia, lungo il canal Orfano, Poveglia è disabitata e inaccessibile ai turisti: per visitarla è necessario chiedere il permesso almeno 10 mesi prima. Sull'isola veneta si sprecano le leggende: la più popolare narra che sia infestata dai fantasmi delle vittime della Peste nera del XVI e un'altra, più recente, parla di un ospedale psichiatrico segreto dove venivano eseguite lobotomie. Quel che è certo è che Poveglia divenne tra il '600 e il '700 un lazzaretto a cielo aperto, dove venivano raccolti i cadaveri della peste e su cui venivano mandati in quarantena i contagiati. Si stima che in un secolo siano stati circa 100.000 i veneziani morti sull'isola e le prove starebbero tutte, fuor di metafora, sotto terra: pare che il terreno di Povaglia sia una miscela di cenere umana e ossa.

    Continua »di Poveglia, in vendita l’isola maledetta di Venezia – FOTO
  • Baby canguro spacciato per cucciolo di brontosauro, la bufala del web

    Cucciolo di canguro scambiato per brontosauroPer giorni è stata la notizia più condivisa dai social: un gruppo di scienziati ha dato vita ad un esemplare di brontosauro grazie alla clonazione. E per quanto possa sembrare assurdo, migliaia di persone hanno creduto alla bufala dell'anno. Ma veniamo ai fatti. Qualche giorno fa appare sul sito News-Hound la notizia che un gruppo di ricercatori britannici della John Moore University di Liverpool ha clonato con successo un Apatosaurus, meglio conosciuto come brontosauro. Gli scienziati avrebbero estratto il DNA dai fossili di Apatosaurus che sono conservati nel museo universitario di Scienze Naturali. Una volta prelevato il DNA, lo avrebbero iniettato nell'utero fertile di uno struzzo. A sostegno della notizia è apparsa una foto, in cui si vede un cucciolo appena nato rosa e rugoso dalle sembianze molto simili al leggendario animale preistorico. Nessuna fonte citata, nessun link che rimandasse alla pubblicazione dell'eclatante ricerca, solo alcune dichiarazioni di un tale dottor

    Continua »di Baby canguro spacciato per cucciolo di brontosauro, la bufala del web
  • Anziana muore durante la giocata perfetta a bridge

    Wendy Brown è morta sul colpo facendo ciò che più amava fare: giocare a bridge. Una mano da 29 punti che ha stroncato sul tavolo da gioco l'ottantenne, giocatrice incallita e player numero uno della Cornovaglia. "È morta facendo quel che più amava fare. Riesco ad immaginare il sorriso sul suo volto quando ha guardato le carte che aveva in mano. È un bel modo per andarsene, quando tutto è ormai stato fatto", ha dichiarato il figlio. Una morte perfetta, per lo meno per chi come Wendy ama i tavoli da gioco più di ogni altra cosa al mondo. In realtà pare che l'anziana signora non godesse di ottima salute e si sia ricamato più del dovuto sulle circostanze del suo malore fatale. Come l'amico Barrie Benfield, che ha confermato al Western Daily Press: "Ha giocato questa mano ed è morta sul colpo. Un colpo incredibile quello capitato a Wendy: non vedevo una mano da 29 punti da circa 18 anni. Credo che non abbia retto all'emozione".

    Oltre cinquant'anni di esperienza e il titolo di Premier Life

    Continua »di Anziana muore durante la giocata perfetta a bridge
  • Donna muore dopo un’iniezione di vaselina al seno

    La sua ossessione per l'aspetto fisico le è costato la vita. Sonia Perez Llanzon, una trentanovenne argentina, è morta dopo essersi iniettata della vaselina nel seno a causa di un coagulo di sangue formatosi nel polmone. La donna, il cui tentativo era quello di aumentare di volume il suo seno, ha fatalmente fatto entrare nel suo circolo sanguigno la vaselina, che le ha poi causato un'embolia polmonare qualche settimana più tardi: solo quando è arrivata in ospedale con difficoltà respiratorie i medici hanno scoperto che il coagulo di sangue aveva ormai raggiunto i polmoni. Julio Pla, responsabile del reparto di chirurgia all'ospedale di Santa Rosa, a 350 km da Buenos Aires, ha dichiarato: "La donna è arrivata all'ospedale con ferite ai seni. Inizialmente ha negato tutto, ma poi ha confessato di essersi iniettata vaselina. Non ho mai visto un caso come questo. Il corpo umano ha gli anticorpi per eliminare batteri e virus, ma nessun meccanismo contro questo tipo di sostanza." Pare che

    Continua »di Donna muore dopo un’iniezione di vaselina al seno
  • L’addio di un malato terminale di cancro agli animali del suo zoo

    E' stato un addio straziante e commovente, quello di Mario ai suoi animali. L'uomo, identificato solo come Mario, ha lavorato per una vita allo zoo olandese di Rotterdam e ha voluto salutare per l'ultima volta i suoi amati animali. Malato terminale di cancro, ha potuto dire addio ai suoi amici sdraiato su un letto all'interno dello zoo grazie ai fondi raccolti in un'asta benefica organizzata da Kees Veldboer, fondatore e direttore di Ambulance Wish Foundation. Come si vede nel video, la fondazione si occupa di realizzare gli ultimi desideri dei malati: consente loro di trovarsi esattamente dove vogliono essere, visitare i luoghi che amano per un'ultima volta e stare vicini agli affetti più cari prima di morire. Che si tratti della famiglia, di una partita di baseball o degli animali di cui ci si è occupati per tutta la vita.

    "Il suo volto si è illuminato. È bello vedere che questi animali lo riconoscono", si legge sul giornale olandese Algemeen Dagblad. Il momento più commovente è

    Continua »di L’addio di un malato terminale di cancro agli animali del suo zoo
  • MateoMateo potrà continuare a vivere. Il bimbo spagnolo di 10 mesi, affetto da leucemia mielomonocitica giovanile da quando aveva pochi mesi di vita, ha trovato un donatore di midollo. Lo ha confermato il padre, Eduard Schell, con cui Yahoo! España ha mantenuto i contatti: "Non ci sono parole: siamo molto felici, e non solo noi, perché ci sono molte persone che si sono mobilitate e che ci speravano. Mi piacerebbe conoscere il donatore, ma non posso perché il procedimento è anonimo". Quando parlammo del caso di Mateo, il piccolo aveva solo tre mesi e l'1% di possibilità di trovare un donatore compatibile. All'epoca della scoperta della terribile malattia, i genitori del bambino si sono mobilitati immediatamente tramite i social (l'hashtag #M4M è diventato in pochi giorni trending topic) e un sito per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della donazione. Il passaparola è diventato virale al punto che i centri di donazione d'organi hanno avuto un'affluenza incredibile e i

    Continua »di Mateo, bimbo affetto da leucemia trova un donatore di midollo
  • L'edificio più alto del mondo scompare

     

    Le immagini spettacolari della tempesta che si mangia letteralmente il Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo con i suoi 828 metri (all’antenna) di lunghezza, hanno fatto il giro del web, diventando un caso da oltre tre milioni di visualizzazioni su Youtube nel giro di due giorni. .

    Il video della meravigliosa visione è stato registrato venerdì scorso, intorno alle sette di sera, da un uomo che di questa passione per gli eventi meteorologici ne ha fatto un vero e proprio lavoro: il 44enne Sultan Bin Al Sheikh Mejren è uno storm chaser, un cacciatore di tempeste, tanto che le rincorre da più di vent’anni per documentarle. L’occasione di questo particolare momento di perturbazione a Dubai, dove sorge il Burj Khalifa, lo ha di colpo trasformato in una star.

    La tempesta è arrivata prima a Sharjah ma l’ho mancata. Avevo perso ogni speranza di registrare qualcosa vicino al Burj Khalifa ed ero pronto ad andarmente. Pensavo che la tempesta fosse tfinita, le nuvole erano scomparse… Ma

    Continua »di L'edificio più alto del mondo scompare
  • La foto del bimbo vestito da Papa che ha fatto impazzire Facebook

    Aria di carnevale a Piazza San Pietro

    L'immagine è stata pubblicata su Facebook dall’Associazione Nazionale Papaboys. Un bambino con gli abiti papali è stato immortalato sotto il colonnato di Piazza San Pietro, a Città del Vaticano.

    Effetto Papa Francesco? Chissà che il costume da pontefice non diventi un trend per questo carnevale.

     

     

    In cerca di un trucco ad effetto per carnevale? Segui i consigli di Clio Makeup! Ecco ad esempio...

    Continua »di La foto del bimbo vestito da Papa che ha fatto impazzire Facebook
  • La gaffe della BBC sul Capodanno cinese

    BBCLa BBC ha dato il benvenuto al Capodanno cinese titolando "l'anno delle puttane", anziché del cavallo. L'errore di sottotitolazione, letto da milioni di spettatori venerdì scorso intorno alle 19 nel corso dell'edizione serale del notiziario, citava testualmente: "Benvenuti nell'anno delle prostitute. La gente di tutto il mondo sta festeggiando". Una gaffe memorabile, che è stata immediatamente corretta dalla rete ma che ha ha fatto in tempo a diventare il tormentone della rete, diventando lo scherno di spietati follower su Twitter.

    Com'è possibile che una rete così autorevole come la BBC incappi in strafalcioni del genere? Colpa di un particolare tipo di stenografo a riconoscimento vocale, che in molti casi può fraintendere le parole, soprattutto se la linea è disturbata. Era già successo durante il funerale in diretta della Regina Madre nel 2002 , quando un invito solenne al silenzio divenne "ora avremo la violenza di un momento". E quando un presentatore della BBC rivelò che il

    Continua »di La gaffe della BBC sul Capodanno cinese
  • La foto che gli costò la vita

    Jose Luis CabezaQuando Jose Luis Cabazas scattò la foto che immortalava Alfredo Yaban in costume sulla spiaggia di Pinamar, non poteva immaginare che da lì a qualche giorno sarebbe stato ucciso. Era il 16 febbraio del 1996 e il reporter e fotografo argentino si trovava al mare moglie e figlia: pochi metri più in là, l'uomo accusato dall'allora ministro dell'Economia Domingo Cavallo di essere un "boss della mafia radicato al potere" camminava serafico sulla battigia a fianco alla moglie Maria Cristina Perez. Fingendo di fare degli scatti alla famiglia, Cabazas riuscì così a fotografare Alfredo Yabrán, uno degli imprenditori più corrotti e pericolosi dell'Argentina, e a inviare l'esclusiva immagine al giornale Noticias, che titolò in prima pagina: "Yabrán attacca di nuovo". L'uomo era noto per avere stretti rapporti all'interno del governo, grazie ai quali la sua immagine era protetta da curiosi e giornalisti: nessuno conosceva la sua fisionomia, nemmeno i servizi segreti.

    Alfredo Yabran

    I giornalisti che osavano

    Continua »di La foto che gli costò la vita

Impaginazione

(340 articoli)
Ricerca