Foto Blog
  • Squalo mangia squalo

    Gli studenti dell'Ocean Exploration, Remote Sensing, Biogeography Lab, (ORB Lab), il laboratorio di ricerca oceanografica dell'università del Delaware negli Stati Uniti, erano impegnati in una battuta di pesca per lo studio dei predatori dell'area marina quando hanno avuto la fortuna di immortalare in uno scatto amatoriale un evento unico: un piccolo squalo catturato dalla bocca di un altro squalo ben più grande.

    L'ORB Lab si occupa di monitorare la fauna predatoria delle acque della baia del Delaware e venerdì scorso gli studenti erano alla ricerca di alcuni esemplari di squalo già previamente catalogati e muniti di targhetta di riconoscimento quando, dopo aver pescato una femmina di squalo toro per il censimento degli animali nell'area della baia, hanno trovato una sorpresa decisamente inaspettata all'interno della pericolosa bocca dell'animale: uno squaletto di circa 90 centimetri di lunghezza incastonato tra i denti sguainati dello squalo toro.

    Guarda anche: VIDEO la balena ruba i

    Continua »di Squalo mangia squalo
  • Il piccolo Messiah

    Scegliere il nome del bambino è spesso un’impresa ardua. Ma perché voler chiamare il proprio figlio Messia? O meglio Messiah, perché siamo nel Tennessee? Perché suona bene con i nomi dei suoi fratellini, Micah e Mason. Ma il giudice Lu Ann Ballew non ci sta e impone alla madre di trovare un altro nome: non può chiamarsi Messiah “perché è un titolo che è stato meritato da una sola persona. E quella persona è Gesù Cristo''.

    Leggi anche: Occhio al pesce mangia-testicoli


    Martin - questo il nuovo nome – potrà ringraziare il buon senso del giudice. La madre, invece, lamenta il fatto che nella decisione siano entrate in gioco le convinzioni religiose del giudice ed è decisa a ricorrere in appello. La stampa locale si schiera con il giudice, convinta che quel nome avrebbe potuto procurare al bambino molti nemici.

    La questione allora è questa: dare il nome a un figlio è un diritto naturale? È il primo e il più significativo atto di genitorialità, che potrà avere ripercussioni importanti sulla vita

    Continua »di Il bimbo che deve cambiare nome: la storia del piccolo Messiah
  • Occhio al pesce mangia-testicoli

    Un giovane parente della famiglia dei piranha sta facendo notizia nel mondo per le sue abitudini alimentari: si tratta del pacu, un pesce originario delle acque del fiume Orinoco, in Amazzonia, presente anche in Guinea e Texas.

    La particolarità del pesce è stata resa nota dopo il ritrovamento di un esemplare di pacu lungo 21,5 centimetri nelle acque dello stretto di Oresund, che separa la Svezia dalla Danimarca. L'animale è stato riconosciuto e classificato dagli esperti del Museo di Storia Naturale danese, che ne hanno spiegato le caratteristiche: è un pesce fornito di denti simili a quelli umani, che gli consentono di masticare il cibo, e a differenza del cugino piranha è di dimensioni maggiori, arrivando anche a raggiungere lunghezze ragguardevoli di 90 cm per 45 kg di peso. Il pacu solitamente non attacca l'uomo, ma può confondere i testicoli umani con i suoi cibi preferiti, vale a dire noci, nocciole ed altra frutta a guscio. Come spiegato dal biologo marino Henrik Carl, del Museo

    Continua »di Occhio al pesce mangia-testicoli
  • Ladri gentiluomini negli StatesIl biglietto di scuse dei ladri. E' proprio il caso di dirlo, altro che Lupin. Il racconto (vero) è pubblicato sul blog del servizio emergenze del governatore della California.

    Siamo a San Bernardino. La cittadina californiana è una delle città più povere degli Stati Uniti, seconda solo a Detroit (che è finita malamente, in fallimento, in questa calda estate di crisi). E' la notte del 31 luglio 2013. Dei entrano in un ufficio da un ripostiglio di servizio, si arrampicano e strisciano sopra i pannelli del soffitto, tagliano i fili dell'allarme, ma qualcosa va storto e l'allarme parte lo stesso.

    Candy Stallings, la direttrice dell'ufficio, riceve la chiamata d'emergenza dell'allarme, ma è tardi: i ladri hanno il tutto tempo di scappare con un computer e altri materiali che riescono a rubare.

    All'1.30, quando ritorna a casa dopo aver terminato le procedure burocratiche, la direttrice è distrutta: «Non abbiamo molti soldi, non abbiamo molto da dare», dice. Quel computer rubato era l'unico che

    Continua »di Ladri gentiluomini: derubano un centro antiviolenza, poi restituiscono e si scusano
  • Uno squalo nella metro di New York

    Martedì mattina gli abitanti di New York hanno viaggiato in metropolitana con un insolito e inaspettato passeggero. Si tratta di un piccolo squalo morto, rinvenuto in un vagone della metropolitana in zona Queens, direzione Manhattan.

    Aggionamento - Risolto, a quanto pare, il mistero. Il sito Gothamist racconta di aver ricevuto un messaggio che svela la storia dietro al curioso ritrovamento. L'autore del messaggio racconta che i suoi figli sono andati al mare con un vicino a Coney Island, dove hanno trovato il corpo dello squalo portato a riva dalle onde, con grande curiosità dei bagnanti che hanno scattato foto (alcune delle quali sono state inviate al Gothamist). La famiglia ha poi assistito alla scena di un giovane ragazzo che ha preso con sè lo squalo. Non è noto come l'animale sia arrivato in metropolitana, tuttavia è stata per ora chiarita la sua provenienza.
    ___________________

    "E' la cosa più folle che abbia mai visto!" ha esclamato un giovane passeggero che prima di scendere dalla

    Continua »di Uno squalo nella metro di New York
  • Logan con la mamma Christine Swidorsky nel giorno delle nozzeHa fatto in tempo a essere il testimone di nozze dei suoi genitori, come loro sognavano, e il giorno dopo è morto. L'annuncio lo ha dato la madre, Christine Swidorsky, sulla sua pagina di Facebook, spiegando come il piccolo sia morto tra le sue braccia lunedì notte.

    Il matrimonio si era tenuto solo domenica, ed era stato anticipato proprio allo scopo di permettere a Logan - malato di leucemia e con numerose altre complicazioni causate dall'anemia di Falconi - di esserci: "Vogliamo che Logan sia nelle nostre foto e che veda mamma e papà sposati", aveva spiegato Christine.

    Il bimbo, vestito in giacca e con una camicia arancione, è stato portato tutto il tempo in braccio dalla madre, prima di assistere alla cerimonia - durata solo 12 minuti - insieme alla nonna. (Continua dopo il video)

    Il video del matrimonio: solo poche ore dopo i neo sposi hanno detto addio al loro piccolo

    La sera di lunedì, il respiro si è fatto affannoso, la coppia ha provato a chiamare l'ospedale per avvisare di quanto

    Continua »di Addio a Logan, bimbo malato testimone di nozze per i genitori. "E' morto tra le braccia della mamma"
  • Doveva essere una classica demolizione controllata. Un evento per nulla raro, che viene pianificato per abbattere edifici di grandi dimensioni, generalmente minati con dinamite e esplosivi e con tagli preventivi che vengono operati alle colonne e alle strutture portanti in generale, per facilitare le operazioni.

    Il risultato, di solito, è una demolizione spettacolare, con gli edifici che collassano su loro stessi.

    Demolizione in California ferisce gli spettatoriMa in questo caso qualcosa è andato decisamente storto.

    Si stava demolendo una vecchia centrale termoelettrica della Pacific Gas and Electric, un edificio di 42 metri d'altezza a Bakersfield in California. Erano  . Le strade erano chiuse e il pubblico era stato posto a distanza di sicurezza. Una distanza che però, per qualche motivo (fatalità o grave errore di calcolo?) non è stata sufficiente.

    I detriti, infatti, sono arrivati molto più lontani del previsto e hanno colpito alcuni degli astanti che, con curiosità, volevano assistere alla demolizione, di per sé effettivamente

    Continua »di Demolizione in California: spettatori feriti. I video dell'espolosione (poco) controllata
  • Due anni di età e ancora poche settimane da vivere, ma è stato testimone alle nozze dei genitori, che si sono tenute questo week end. Sean Stevenson e Christine Swidorsky sono una coppia di Jeannette, Pennsylvania: nei loro piani il matrimonio sarebbe dovuto arrivare solo l'anno prossimo; ma la tragica situazione di loro figlio li ha convinti ad anticipare il prima possibile, in modo che il piccolo potesse partecipare.

    Logan, questo il nome del bambino, ha l'anemia di Falconi, una rara malattia che spesso causa il cancro. Logan si è visto diagnosticare una leucemia mieloide a soli 14 mesi, ha avuto un rene asportato a causa di un tumore questo marzo e da poco glien'è stato diagnosticano un altro, all'altro rene.

    "Vogliamo che Logan sia nelle nostre foto e che veda mamma e papà sposati", aveva spiegato Christine. La donna ha già una figlia di 13 anni, che ha partecipato come damigella d'onore; mentre la prima figlia avuta con Sean, Savannah, è stata la damigella con l'incarico di portare

    Continua »di Corsa contro il tempo: si sposano per avere il loro bimbo malato come testimone di nozze
  • Pakistan, orfano regalato in uno show televisivo

    La tv ci ha ormai abituato a ogni stranezza, tanto da pensare che sia impossibile andare oltre. Adesso, però, un nuovo reality show che sta andando in onda in Pakistan, Amaan Ramazan, riesce nella difficile impresa di superare ogni limite fin qui raggiunto.

    Nello show, della durata di sette ore tutte in diretta, il conduttore Aamir Liaquat Hussain offre premi a chi riesce a rispondere correttamente a domande sul Corano. Lavatrici, forni a microonde, frigoriferi e bambini abbandonati.

    Orfani senza famiglia, che attraverso la televisione possono trovare casa. Un premio che sfida ogni etica, ma che le tv pakistane hanno deciso di mettere in palio per vincere la guerra dell'audience durante il periodo del Ramadan (un mese estremamente appetibile dal punto di vista dello share).

    Il bambino in palioE così, i bambini senza casa vengono messi in palio per le coppie che non possono avere figli; presentati come fossero prodotti di qualunque tipo. Sulla questione si è accesa una forte polemica in Pakistan: da una

    Continua »di Pakistan, orfano regalato in uno show televisivo
  • Espulso perché troppo grasso

    Albert Buitenhuis (foto dalla pagina ufficiale su Facebook)

    Espulso perchè troppo grasso. E' la storia di Albert Buitenhuis, uno chef sudafricano che dal 2007 vive in Nuova Zelanda con sua moglie e che oggi si trova costretto a lasciare il paese perchè in sovrappeso. Per dare voce alla sua causa è ata anche una pagina Facebook.

    L'uomo pesa 130 chili e per le autorità locali sono un problema e un rischioso costo per l'assicurazione, così hanno deciso di mandarlo via perchè "non ha un tenore di salute accettabile". L'uomo quindi rischia di essere espulso nonostante abbia perso 30 chili da quando si è trasferito a Christchurch sei anni fa. Niente da fare, per il Ministero dell'Immigrazione Albert è un problema e la sua obesità potrebbe comportare molte malattie come diabete, ipertensione e problemi cardiaci, oltre al problema ad un ginocchio il cui intervento potrebbe costare più di 20 mila dollari.

    La faccenda è quindi puramente economica: "È importante che tutti gli immigrati abbiano un tenore di salute accettabile per ridurre al minimo i costi e

    Continua »di Espulso perché troppo grasso

Impaginazione

(340 articoli)
Ricerca