Foto Blog

Northumberlandia: la più grande scultura del mondo è donna

Northmberlandia, la scultura vista dall'alto (AP)Si chiama Northmberlandia e si stima possa essere la più grande scultura umana del mondo che ritrae una figura femminile da sdraiata. Conosciuta anche come "Signora del Nord" è fatta da 1,5 milioni di tonnellate di roccia, argilla e terra; si trova a 34 metri di altezza, si estende per 19 ettari all'interno di un parco con quattro chilometri di sentieri aperti al pubblico. Il risultato è una gigantesca e sinuosa donna che tra le sue curve accoglie prati verdi, colline e piante. Il progettista è l'architetto paesaggista Charles Jencks, un americano trapiantato in Scozia, che ha ideato la scultura nei pressi di Cramlington, nel nord dell'Inghilterra.

Figura di spicco dell'architettura del paesaggio, Jencks è celebre per i suoi numerosi libri e saggi di architettura e spiega così la finalità dell'opera: "Lungi dall'essere un'opera d'arte rigida, Northumberlandia è una parte vivente della campagna circostante che maturerà nel tempo e cambierà con le stagioni. Quello che si vede quando lo si visita è solo l'inizio di qualcosa che si evolverà attraverso le generazioni". Un progetto ambizioso e visionario, costato 3 milioni di euro, che sarà gestito dall'ente di beneficenza indipendente The Land Trust e che punta ad essere una grande attrazione turistica con un afflusso di circa 200.000 visitatori l'anno. L'inaugurazione ufficiale è avvenuta il 29 agosto, con la partecipazione della Principessa Anne, ma l'apertura ufficiale al pubblico avverrà solo nel 2013.

Londra, nuova statua di Elisabetta II al museo di Madame TussaudsLondra, (TMNews) - Vestita di bianco, con la splendente corona sul capo: così si presenta la regina Elisabetta II al museo di Madame Tussauds a Londra. La nuova statua di cera, presentata in occasione delle celebrazioni del Giubileo della sovrana, è la 23esima a lei dedicata nel museo ed è frutto del lungo e accurato lavoro dello scultore Steve Swales. Ogni dettaglio è stato studiato, come i capelli e le sopracciglia, come spiega lui stesso. "Volevo creare un sorriso con il senso del movimento: non so se