Foto Blog

Scoperto un nuovo mammifero

Margaretamys christinaeLa scoperta di una nuova specie di mammifero arriva da una spedizione zoologica della Sapienza di Roma coordinata da Alessio Mortelliti, che si è svolta in Indonesia, nella foresta pluviale dei monti Mekkonga, a sudest di Sulawesi, tra dicembre 2010 e marzo 2011. È stato battezzato Margaretamys christinae, in onore della compagna di Mortelliti, Christina Thwaites, che l'ha seguito nell'impervia spedizione sui monti Mekkonga. Si tratta di un piccolo roditore arboricolo che vive sopra i 1500 metri e che appartiene al genere Margaretamys (famiglia dei muridi) che annovera altre 3 specie, tutte endemiche di Sulawesi.

Il nuovo piccolo mammifero, che si è da tempo adattato a vivere sulle montagne, si presenta come un piccolo topo, con una particolare forma del cranio, la colorazione del mantello e la coda pelosa bicolore. La scoperta - evento molto raro in un pianeta in gran parte già esplorato - è importante per numerose ragioni: "La presenza di una specie di Margaretamys nei monti Mekkonga conferma come le montagne di questa isola siano state una importante area di speciazione per i mammiferi. L'isola di Sulawesi, infatti,  è tra le zone con il maggior numero di specie endemiche di mammiferi, tutte caratterizzate da areali estremamente ridotti e pertanto a elevato rischio estinzione. La specie in questione si è probabilmente adattata a vivere in un habitat molto particolare, la "Montane rainforest", foresta pluviale di montagna, con un potenziale range di distribuzione minore di 1000 Km2, ed in virtù ciò è stata proposta come "Endangered  -  In pericolo" per la lista rossa dei mammiferi dell'IUCN (International Union for Conservation of Nature)".

Per comprendere quanto impervie siano i luoghi dove vive il piccolo roditore, basti sapere che lo zoologo per affrontare in sicurezza la spedizione è stato costretto a farsi aiutare da alcuni abitanti del villaggio di Wawo ed è stato affiancato dalla guida di un ex-cacciatore di bufali di montagna, supporto indispensabile per orientarsi nella fitta vegetazione della giungla dei monti Mekkonga.

Ricerca

Le notizie del giorno