Foto Blog

L'ultimo pasto dei condannati a morte

L'ultimo pasto di di Ronnie Lee Gardner: aragosta, bistecca, torta di mele, gelato alla vaniglia. E trilogia de …
Ricreare gli ultimi pasti dei condannati a morte, questa è l'originale idea di Henry Hargreave, un giovane fotografo di Brooklyn. Con estrema cura e dovizia di particolari ha riprodotto nel suo studio tutte le ultime cene (o pranzi) dei più famosi e pericolosi assassini prima della loro esecuzione. Lo vedete all'opera nel video qui sotto. Negli Stati Uniti sono 33 i paesi in cui vige la pena di morte e in alcuni carceri i condannati hanno la possibilità di scegliere il pasto preferito, senza limiti di sorta. Lo "special meal" di Ronnie Lee Gardner, condannato per furto, rapimento e omicidio di due persone è stata una vera abbuffata: aragosta, bistecca, torta di mele, gelato alla vaniglia. Tutto consumato davanti alla proiezione della trilogia de "Il signore degli anelli". Venne ucciso dopo qualche ora da un plotone d'esecuzione il 18 giugno del 2010.

Victor Feguer, detenuto in Florida e accusato di rapimento e omicidio, venne ucciso a 28 anni con un'iniezione letale il 15 marzo 1963. Come ultimo pasto chiese una singola oliva con il nocciolo. Si rifiutò del tutto di mangiare Angel Nieves Diaz, anch'egli detenuto Florida e accusato di omicidio, sequestro e rapina a mano armata. Morì per iniezione letale. C'è chi si lasciò andare al piacere di una golosità, come Timothy McVeigh, che volle solo una ciotola intera di gelato alla menta con scaglie di cioccolato. Sulla testa di McVeigh pendeva un'accusa di 168 omicidio per l'attentato di Oklahoma City. Morì l'11 giugno 2001 per iniezione letale a 33 anni.

Pollo fritto, patatine, torte, pesce a volontà: la scelta del cibo nella maggior parte dei casi esprime il legittimo desiderio di abbuffarsi del piatto preferito, come nella migliore tradizione dell'"ultimo desiderio". Con questi scatti Hargreave ha cercato di raccontare un punto di vista inedito, dando la visione dell'uomo e non solo del condannato a morte: "Ho cercato di vedere la loro personalità attraverso il loro ultimo pasto voglio provocare e far pensare, non voglio dire se è giusto o sbagliato". Un metodo alternativo per smuovere le coscienze sull'annosa questione della pena di morte, di cui l'America detiene l'amaro primato.

Ricerca

Le notizie del giorno