Foto Blog

Una falce di Marte



Questa volta è Rosetta, una sonda dell'Agenzia Spaziale Europea, a regalarci l'immagine più spettacolare dallo spazio
. La foto è stata scattata durante un avvicinamento a Marte e ritrae il pianeta con una falce bianca e scintillante e due aloni sovrapposti, uno rosso e uno blu che sono il riflesso della superficie del pianeta all'interno dell'ottica della fotocamera della sonda. La destinazione ultima di Rosetta, che è in ibernazione nello spazio profondo da luglio 2011, è la cometa Churyumov-Gerasimenko, che dovrebbe raggiungere nell'estate del 2014 per poi atterrare sulla sua superficie e perforarla.

L'ambizioso progetto - unico nel suo genere - è quello di viaggiare insieme ad una cometa nel suo viaggio verso il Sistema Solare e osservare da vicino come viene trasformata dal calore del Sole.

Lanciata nello spazio nel 2004, la sonda dell'Esa ha effettuato l'avvicinamento a Marte per ricevere la forza gravitazionale che le permetterà di raggiungere la meta. Ed è proprio in questo frangente che il gruppo di astronauti che sta lavorando alla missione ha cercato di catturare l'effetto "nightglow", quella luminosità diffusa del cielo notturno quando gli atomi di ossigeno e in misura minore di azoto rilasciano energia. Il risultato è questa immagine spettacolare, che dona al pianeta un'aria ancora più misteriosa ed affascinante.

La sonda Curiosity scopre tracce d'acqua su MarteHouston, (Tmnews) - Tracce d'acqua su Marte. La sonda della Nasa "Curiosity", arrivata sul pianeta rosso il 6 agosto scorso, ha scoperto della ghiaia e altri sedimenti provenienti dal letto di un antico fiume, confermando in tal modo le ipotesi su un passato ricco di acqua. "Pensiamo - ha detto John Grotzinger, scienziato della Nasa - che la roccia si sia formata in presenza di acqua. Possiamo ipotizzare che su Marte ci fosse un flusso d'acqua vigoroso". La forma arrotondata dei sassolini dimostra che non sono stati trasportati dal vento ma dalla corrente: è la prima volta che vengono osservate direttamente delle tracce che permettono inoltre di stimare la velocità della corrente del corso d'acqua (0,91 metri al secondo) e la sua profondità (un metro). Secondo gli esperti "Curiosity" potrebbe trovarsi attualmente in una zona (anticamente) fluviale ai piedi del monte Sharp, a nord del luogo dell'atterraggio della sonda.

Ricerca

Le notizie del giorno