Gossip di Palazzo

Bocciata la mozione per ridurre i fondi ai partiti

Franco Fiorito (LaPresse)Della mozione del deputato Salvatore Vassallo sulla riduzione dei fondi ai partiti presentata alla Camera è stata approvata solo una parte. "Un contributo finanziario trasferito annualmente a ciascun gruppo parlamentare, che sia di un ammontare non superiore alla meta' dell'ammontare complessivo dei fondi assegnati, a titolo individuale, ai deputati che compongono il gruppo per le spese generali e il pagamento dei collaboratori", questo è quanto stabilito in aula in termini di modifica al regolamento, nulla di più. Il testo che proponeva il taglio netto di due terzi dei soldi passati ai partiti dalla Camera è quindi saltato con la seguente giustificazione: trattasi di materia competenza esclusiva dell'ufficio di presidenza della Camera, a cui spetta la scelta, previa gara, della società di revisione esterna che controllerà i bilanci dei partiti.

Guarda - I manifesti della Polverini apparsi nella notte: "Questa gente la mando a casa io"

Immediata la reazione del deputato: "Capisco che allo stato un taglio fatto così sarebbe insostenibile, pari ai due terzi dei fondi dati ai gruppi, ma noi miriamo ad un riequilibrio del Bilancio della Camera, che dovrebbe diminuire il 'cash' assegnato ai gruppi e ai deputati, aumentando invece la quota dei servizi e dei pagamenti diretti per i contratti del personale. Il che porterebbe non solo maggiori risparmi ma anche una moralizzazione delle spese, che diverrebbero più trasparenti e controllabili". In altre parole, il denaro che viene elargito ora finisce direttamente nelle casse dei partiti, che vengono poi distribuiti secondo le esigenze e le contingente. La proposta di Vassallo prevedeva invece di finalizzare quei soldi direttamente in contratti del personale e in quote di servizio. Un modo semplice per rendicontare e controllare i fondi.

Cosa ha portato la Camera a ritirare tutti gli emendamenti? Troppi interessi o altre motivazioni? La variazione del regolamento è stato votato praticamente all'unanimità: è passato con 479 sì, un no (Franco Barbato di Idv) e nove astensioni (i radicali oltre a qualche altro deputato). Pare che per i deputati rinunciare ai finanziamenti sia impossibile: piuttosto un revisore esterno che controlli i bilanci, ma i tagli no.

Alfano: i conti del Pdl saranno certificati e on-line - VideoDocRoma (TMNews) - "D'ora in poi i nostri conti saranno certificati da società esterne e metteremo on line i conti dei nostri gruppi parlamentari, prionti a presentare un disegno di legge affinché tutti facciano altrettanto". Sono le parole del segretario dle Pdl Angelino Alfano, che ha incontrati i giornalisti dopo l'incontro con i coordinatori e i presidenti dei Consigli regionali, i capigruppo e i big nazionali del partito. "Il Pdl non è fatto di tanti Fiorito - ha concluso Alfano - noi siamo fatti di un'altra pasta".

Ricerca

Le notizie del giorno