Gossip di Palazzo

Federico Moccia sindaco e gli altri 'outsider' delle Amministrative 2012

Federico Moccia eletto sindaco di Rosello nel chietinoFederico Moccia è stato eletto sindaco di Rosello (Abruzzo) - paese natio della moglie che conta 300 anime - con il 89,47% delle preferenze. Schierato con la lista civica "Autonomia e Libertà", lo scrittore in qualità di primo cittadino ha già annunciato che intende rendere la cittadina una location romantica (senza contare che ora potrà pure sposare i suoi fans) e famosa in tutto il paese. Come? Lo spiega lui stesso in un'intervista: "Cercherò idee per attirare la curiosità di potenziali turisti nei confronti di Rosello. Qui abbiamo perle della natura, come il lago di Bomba e la valle del Sangro, dove sta l'abete più alto d'Italia. Senza dimenticare la cucina di Rosello". E il fatto che si ritenga un "sindaco simpatico". C'è solo da augurarsi che la moda dei lucchetti non dilaghi anche lì.

Yahoo! Notizie - Moccia, i film e i lucchetti

Quello di Moccia è forse uno dei risultati più sorprendenti delle ultime amministrative, che si sono concluse da nemmeno ventiquattro ore (ballottaggi esclusi).  Risultati che vedono il declino della Lega e del Pdl (con rare eccezioni, come la riconferma di Tosi a Verona), il boom del Movimento 5 Stelle (con il primo sindaco dell'anti-politica di Beppe Grillo) e la moda del nome famoso. Sì, perché Moccia non è l'unico caso di personaggio famoso in gara per la poltrona di primo cittadino: il presidente del Coni Gianni Petrucci è stato eletto a San Felice Circeo, in provincia di Latina. È sindaco anche il giornalista Piero Vigorelli, eletto con il 36,40 % dei voti a Ponza, mentre non è andata altrettanto bene a Giulio Borrelli, ex direttore del Tg1 e corrispondente da New York, che ad Atessa (Chieti) si è visto superare dal sindaco uscente del centro-destra.

Altro nome famoso, con precedenti in materia e polemiche in corso, è quello di Vittorio Sgarbi, che ci ha riprovato con Cefalù (Palermo). Niente da fare per lui, nonostante l'invalidazione della sua candidatura da parte della Corte d'appello di Palermo e le sue minacce di ricorso in Cassazione, è arrivato solo terzo. C'è chi invece ha fatto dietro front ancor prima di mettersi in gioco. È il caso dell'ex finto fidanzato di Noemi Letizia, Domenico Cozzolino, che intendeva candidarsi e formare una propria lista civica a Boscotrecase; oppure come l'ex pornostar Milly D'Abbraccio, che voleva presentarsi come candidato a Torre del Greco (ma ci ha ripensato). Senza dimenticare le primarie tra Luana Borgia, lombarda, e la polacca Amandha Fox, che si sono poi ritirate dalla competizione elettorale in quel di Taranto, dopo aver scaldato gli animi con campagne elettorali hot. Non poteva mancare l'ex tronista di "Uomini e Donne", Giovanni Conversano, candidato tra le fila dell'Udc, non si sa bene a quale titolo. Come se la politica non fosse una vocazione ma un'occasione per riciclarsi.

Ricerca

Le notizie del giorno