Gossip di Palazzo

Nicole Minetti per Silvio Berlusconi è una vittima: “Impossibile fare politica se si è belle”

Nicole Minetti a MiamiNicole Minetti in vacanza a Miami
Nicole Minetti è troppo bella per fare politica
. Lo sostiene il suo mentore Silvio Berlusconi, che in un'intervista a SkyTg24 ha ricordato i motivi per cui è entrata di diritto nella maggioranza di Formigoni al Pirellone: "A me fu presentata da don Verzè, si è laureata a pieni voti, parla inglese, è stata mandata nella nostra sede di Milano dove c’erano 5 scrutatori e ha avuto 5 sì". Come se per fare politica bastasse la raccomandazione di un sacerdote o una laurea cum laude. Poi la dichiarazione sulle vere motivazione che l'avrebbero indotta a rinunciare alla poltrona da consigliera regionale: "In Italia non è possibile fare politica se si è belle, è meglio assomigliare ad altre. E’ stata travolta da un’onda più grande di lei: suo padre ha perso il lavoro e sua madre ha dovuto chiudere la scuola di danza. Le sono andati addosso in modo eccessivo, ha perso l’equilibrio che sembrava avere". E dire che la Minetti ha sempre sfoggiato una noncuranza invidiabile: che si trattasse di intercettazioni telefoniche, accuse per induzione alla prostituzione minorile (nel caso Ruby) o per peculato (nell'ambito dell'inchiesta sui rimborsi falsi dei consiglieri regionali lombardi), la ex consigliera non ha mai accusato il colpo.

Serafica e sorridente, ecco come è sempre apparsa davanti a paparazzi e giornalisti. Fatta eccezione per l'ultimo consiglio regionale in cui ha accusato un addetto stampa di averla palpeggiataa e se è vero quanto riportato dall'ex premier, nulla lasciava intendere dal suo comportamento che in famiglia si stesse consumando il dramma della perdita del lavoro dei genitori. E dire che il padre è sempre stato il suo più intimo confidente e il suo più strenue difensore. Ora pare che la sua carriera sia definitivamente archiviata: lo si deduce dalla dichiarazione di Berlusconi e lo fanno presupporre le voci che la vorrebbero imprenditrice nel campo della ristorazione insieme al fidanzato. Rimpianti o rancori? Sembra di no. Anzi, da parte sua arrivano i migliori auguri per il fidanzamento del leader del Pdl con Francesca Pascale. Che se ne dica, il ruolo della vittima non sembra fare per lei.

Aula semideserta per l'ultimo Consiglio regionale lombardoMilano (TMNews) - C'è chi legge il giornale, chi gioca col cellulare, e chi fa capannello con i pochi presenti. Seduta del consiglio regionale lombardo, per approvare l'ultima manovra finanziaria della Giunta Formigoni, in un'aula semideserta.

Poco più di una trentina di deputati regionali si sono presentati all'aula consigliare del Pirellone a Milano per gli ultimi atti indifferibili, il Bilancio e la Finanziaria, che possono essere discussi anche ad assemblea sciolta.

Assenti in congedo il governatore Formigoni, per impegni istituzionali, e, per motivi personali, Nicole Minetti, Filippo Penati e Maurizio Martina. Si è trattato della prima seduta dopo quella delle dimissioni di 75 consiglieri su 80 il 26 ottobre scorso. L'Aula ha dato il via libera al bilancio di previsione per il 2013 del Consiglio regionale, ultimo atto della fine anticipata della legislatura regionale.

Ricerca

Le notizie del giorno