Gossip di Palazzo

La polemica sul pugno chiuso alla festa di Bersani

La foto: pugno chiuso in segno di vittoria
Pugno chiuso come vuole la tradizione comunista o esultanza per la vittoria? Tra i fedelissimi di Pierluigi Bersani la vicenda sta assumendo i toni del sarcasmo e dell'ironia, ma per alcuni è un ottimo pretesto per una controversia. La polemica è stata innescata da Monsignor Fisichella, che pare non aver gradito il gesto dell'entourage del neo candidato del Pd la sera della vittoria delle primarie: Alessandra Moretti (portavoce di Bersani), Roberto Speranza (coordinatore) e Tommaso Giuntella (coordinatore dei giovani) alzano il braccio sinistro con la mano stretta a pugno. Per molti un'immagine che accoglie con legittimo entusiasmo la vittoria di Bersani su Renzi al ballottaggio, per il monsignor un segno inequivocabile di manifesta fede comunista.

Renzi ha perso, ma batte Bersani in un'altra gara: scopri quale

Il partito fa buon viso a cattivo gioco e ironizza sull'accusa postando sul sito una serie di immagini di sospetti "comunisti": da De Gasperi e Nelson Mandela a Barack Obama, fino agli ignari Tommie Smith e John Carlos. Come colonna sonora "Una carezza in un pugno" di Adriano Celentano, manco a dirlo, e per didascalia questa precisazione: "A volte, checché se ne dica, un pugno alzato significa semplicemente un saluto, un incitamento o una vittoria". Dei tre giovani la prima a smentire in un'intervista al Corriere un qualsiasi rimando ad un'appartenenza politica diversa da Pd è la Moretti: "No no, guardi… non c'era niente di comunista in quel mio pugno chiuso. Quel gesto era solo pieno di felicità, esultanza, vittoria". Segue a ruota Speranza, che si stupisce della polemica in corso: "Sul serio è così importante sapere il significato di quel pungo chiuso? Ho stretto il pugno per genuina e spontanea esultanza. Tutto qui. Io trovo singolare che, all'indomani di una grande vittoria, si sia aperta una simile discussione". Sarà che la candida ammissione di sconfitta da parte di Renzi non ha dato modo alle malelingue di sfogarsi a sufficienza.

Guarda: Tanti politici tra i peggiori flop del 2012, scoprili!

Renzi: vittoria netta di Bersani, saremo leali - VideoDocFirenze (TMNews) - Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ha vinto le primarie del centrosinistra e lo sconfitto al ballottaggio, Matteo Renzi, ha ammesso la vittoria netta del rivale e gli fatto gli auguri, promettendo lealtà.

Ricerca

Le notizie del giorno