Mariah Carey: una casa a prova di bimbo, ma non dei suoi!

(KIKA) - LOS ANGELES - Quando si hanno dei bimbi piccoli, specialmente nel momento in cui cominciano a muovere i primi passi, la maggiore preoccupazione dei genitori è proteggerli in ogni modo possibile, specialmente in casa che, benché sia metafora di sicurezza, per i più piccoli può nascondere insidie e pericoli. Da qui l'esigenza di rendere la casa a prova di bambino, con particolari accorgimenti e protezioni, come hanno fatto anche Nick Cannon e Mariah Carey per i piccoli Monroe e Moroccan, di dieci mesi.

Sembra però che i due gemelli sopra citati siano dei piccoli prodigi, del tutto incuranti delle misure di sicurezza prese dai genitori e anzi così superiori a dette misure, da arginarle come se niente fosse.

Cancelletti che bloccano l'accesso alle scale, fermacassetti, protezioni per le prese di corrente: Monroe e Moroccan se ne fanno un baffo. "Sono troppo intelligenti per questi dispositivi, tolgono ogni protezione che noi mettiamo," ha dichiarato Nick Cannon tra il preoccupato e l'orgoglioso, come ogni genitore che può vantare un pargolo più intelligente e temerario della media.

"Poi, sanno che cosa è a prova di bambino e cosa no - ha aggiunto - quindi è come se pensassero: Ah, lì non possiamo andare. Allora facciamo quest'altra cosa! E poi, stanno muovendo i primi passi e questo ci rende ancora più apprensivi".

Cari Nick e Mariah, i genitori troppo ansiogeni sono la rovina della nostra generazione, ma a giudicare da come i gemelli hanno superato le protezioni, una domanda sorge spontanea: sono loro i genietti, o i loro genitori che li hanno sottovalutati?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli