50 sfumature di grigio, Jamie Dornan: "Mia moglie? Non lo guarderà"

Yahoo! Cinema
Jamie Dornan e Amelia Warner
Jamie Dornan e Amelia Warner

A poche ore dal debutto nelle sale cinematografiche, 50 sfumature di grigio ha tutte le caratteristiche per diventare una delle pellicole più viste del 2015. Basato sull'omonino romanzo porno-soft di E.L. James - oltre 100 milioni di copie vendute - il film è stato anticipato da una martellante campagna promozionale.

La prevendita dei biglietti lascia ben sperare i produttori: gli incassi del primo fine settimana di programmazione non dovrebbero deludere le aspettative.

Ma ci sarà una donna che ha già fatto sapere che non assisterà alla proiezione del film. Come facilmente immaginabile, Amelia Warner non è una spettatrice qualsiasi: dal 2013 è la moglie di Jamie Dornan, il fascinoso attore chiamato a vestire i panni del protagonista del film, Christian Grey, miliardario tenebroso con un debole per il sadomaso.

"Non vuole vederlo", ha spiegato l'interprete nordirlandese ai microfoni di USA Today. "Vuole sostenere me e il mio lavoro. Non riuscirò a vederlo neanche io. Comunque non voglio metterle pressione: è una sua decisione. È conscia del fatto che si tratta di una finzione, ma rimane comunque poco piacevole da vedere". Dopo aver assistito al montaggio finale, lo stesso attore ha confessato di essersi sentito in imbarazzo nel vedere la camera da presa indugiare sul proprio fondoschiena per qualche secondo di troppo.

Negli ultimi mesi si è molto scritto e parlato delle numerose scene di sesso che vedono coinvolti Dornan e la collega Dakota Johnson. Nella maggior parte dei paesi in cui verrà programmato, il film è stato vietato ai minori non accompagnati, ma il timore dei fan più agguerriti del libro è che la regista Sam Taylor-Johnson non sia comunque riuscita a rendere credibili le scene più audaci. Ma si sa, al cinema come a letto, è impossibile soddisfare tutti.