Eminem chiede scusa a sua madre nel nuovo commovente video, “Headlights” [VIDEO]

Un modo originale, toccante e riuscito per festeggiare nel migliore dei modi la Festa della Mamma. L'Eminem che non ti aspetti si è materializzato nella giornata di ieri, quando il rapper ha pubblicato il suo ultimo video ufficiale, Headlights, diretto da un gigante della regia come Spike Lee.

- Eminem offeso: la regina Elisabetta contro il concerto ad Hyde Park

Un video che ha visto il celebre Marshall Bruce Mathers III chiedere scusa alla madre Debbie per le tante critiche esternate nei suoi confronti in 15 anni di carriera. ““Non ho mai pensato a chi ho ferito con le mie parole. Mia madre probabilmente si è presa il peggio”.  “Sono andato troppo oltre? ‘Cleaning out my closet’ e tutte le altre canzoni. Ma comunque non ti odio mamma, sei ancora meravigliosa per me, perché sei la mia mamma”, canta ora il rapper,  per poi cedere ad un dolce abbraccio finale che ha di fatto celebrato la rappacificazione. Per anni, come dimenticarlo, le sue parole taglienti si sono scagliate contro quella donna, accusata di non averlo cresciuto e di aver pensato solo a droghe ed alcool: “Mia madre amava il Valium e molte altre pasticche ed ecco perché io sono così, è per mia madre”.

I 5 artisti hip hop più ricchi al mondo secondo Forbes

Al fianco di Eminem non solo Spike Lee ma anche Nate Ruess  dei Fun, per un singolo chiamato a trainare un album che ha già venduto 3,995,000  copie in tutto il mondo. L'ennesimo successo per un fenomeno musicale riuscito a vendere quasi 90 milioni di dischi in tutta la propria carriera, andando poi ad impreziosire il tutto con 12 Grammy e un Premio Oscar, vinto grazie alla canzone portante di 8 Mile. Premi e riconoscimenti mai festeggiati al fianco di quella mamma finalmente ritrovata. Proprio durante un giorno di Festa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli