Ziggy Marley, il figlio di Bob Marley parla di giardinaggio, di marijuana e del padre

Due gocce d'acqua. Così potremmo definire Ziggy Marley e Bob Marley, morto nel 1981, leggenda della musica e padre di ben 13 figli.  Tre avuti con sua moglie Rita, due adottati da due precedenti relazioni di Rita, e gli altri otto da relazioni con donne da cui si è poi separato.  David detto Ziggy è nato il 17 ottobre del 1968 ed è proprio uno dei 3 figli biologici di Bob e Rita, con una recente intervista rilasciata al The Arsenio Hall Show che ha visto il cantante parlare di tutto.

 Guarda il bellissimo video di Buffalo Soldier con le immagini di Bob Marley in uno studio di registrazione:


Di  marijuana, in particolar modo, che ha persino tramutato in graphic novel con Marijuanaman, supereroe in arrivo da un altro pianeta che arriva sulla Terra per trovare una soluzione per salvare la sua gente, per poi finire in una piantagione di marijuana e scoprire che questa pianta provoca in lui una reazione speciale. Tramutandolo in supereroe.


Da sempre legato alla liberalizzazione della marijuana, battaglia che a suo dire Governi e multinazionali vorrebbero frenare per motivi puramente economici, Ziggy ha presentato il suo nuovo libro per bambini I Love You Too, confessando poi tutto l'amore che ha nei confronti del giardinaggio (ovviamente marijuana  compresa, pianta che può essere utilizzata in altri mille modi oltre al fumo) e quello inattaccabile che ancora oggi riversa sul padre deceduto. In tempi non sospetti Marley ha poi incontrato Barack Obama, per un face-to-face da lui definito divertente e 'cool', senza però intraprendere l'argomento legalizzazione, perché a suo dire il Presidente 'già sa tutto'. Conclusa l'intervista Ziggy è poi tornato a vestire i panni che più gli competono, quelli del cantante, regalando ai telespettatori 'I Don't Wanna Live On Mars'.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli