Il virus più letale al mondo potrebbe ucciderci in cinque anni

(AdnKronos)Una nuova pandemia torna a minacciare l’intera popolazione mondiale. Alcuni scienziati inglesi, infatti, hanno scoperto un nuovo virus trasmesso dagli animali agli esseri umani che, dicono, potrebbe ucciderci tutti nel giro di cinque anni. I sintomi e il modo di trasmissione del virus sembrano in tutto e per tutto simili alla Sars, eppure è qualcosa di diverso e probabilmente più pericoloso.

C'è il rischio del ritorno dell'aviaria?

L’allarme è nato a seguito della morte di un uomo di Glasgow causata da una malattia virale trasmessa da alcune zecche che si trovano sugli animali domestici e selvatici di Africa e Asia. Lo scorso mese, invece, un altro uomo di 49 anni, originario di Londra, è stato ricoverato con febbre alta, tosse grave e serie difficoltà nella respirazione. Tutto faceva dunque pensare alla Sars, eppure gli scienziati si sono trovati di fronte a un nuovo virus di cui prima d’ora non si conosceva l’esistenza. 

L'epidemiologo Berrino: ecco i trucchi per combattere il cancro

L’uomo, che era da poco tornato dal Qatar, è stato quindi messo in quarantena. Successivamente un team di ricercatori internazionali ha annunciato di aver individuato un virus completamente nuovo che avrebbe provocato due vittime nella Repubblica democratica del Congo nel 2009. A spaventare soprattutto gli scienziati è che i sintomi del nuovo virus, a differenza di quelli della Sars, potrebbero non essere evidenti prima della diffusione dell’infezione.

Le regole di Topo Gigio per combattere l'influenza

Il virologo britannico, il prof. John Oxford del Queen Mary Hospital di Londra, ha fatto sapere che entro i prossimi cinque anni esiste la possibilità che una pandemia di origine animale possa colpire la Terra con effetti potenzialmente catastrofici. Con la speranza che il mondo non debba fare i conti con una nuova influenza spagnola, la più grande pandemia mai registrata che nel 1918-19 provocò la morte di oltre 50 milioni di persone, per il momento si tratta solo di ipotesi ancora tutte da verificare, quindi niente allarmismi.

Allarme Hantavirus per i turisti in visita a Yosemite Park Los Angeles (TMNews) - Allarme virus killer nel famoso parco nazionale di Yosemite, in California, dopo che due campeggiatori sono morti per aver contratto la sindrome polmonare da hantavirus. Il Centers for Disease Control and Prevention ha lanciato un'allerta: le 10.000 persone che hanno soggiornato, fra luglio e settembre, in alcune delle cabine del parco Yosemite, situate nell'area chiamata 'Curry Village', potrebbero aver contratto il temibile virus. Al momento sono 6 le persone che risultano infette ma potrebbero essere molte di più.

L'hantavirus viene trasmesso da roditori infetti attraverso saliva, feci, urine contaminate, o respirando l'aria in ambienti chiusi e piccoli in cui vi sono tracce del virus. I sintomi sono quelli tipici dell'influenza e possono manifestarsi dopo 1-6 settimane di incubazione. Il virus è letale in un terzo dei casi perché non esiste una cura specifica né un vaccino.


Ricerca

Le notizie del giorno