Il panino patrocinato dal Governo (e sbeffeggiato all’estero)

mcitalyLa nota catena di fast food ha stretto un accordo con il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf) per promuovere il suo nuovo panino fatto apposta per i gusti italiani.

"Carne 100% italiana, olio extravergine di oliva, Asiago Dop, Bresaola della Valtellina Igp, pancetta della Val Venosta, grano saraceno, cipolle di Tropea e carciofi romani". Questi gli ingredienti del panino, pubblicizzato sui cartelloni in tutta Italia, e garantiti dal patrocinio gratuito del Mipaaf. Sui cartelloni infatti c'è anche il simbolo del Ministero, che ha anche annunciato il lancio dell'iniziativa sul sito ufficiale.

Quel simbolo in bella vista non è passato inosservato. L'ha notato l'autore del blog 'Word of mouth' del britannico Guardian, che critica senza mezzi termini l'iniziativa. "Un mostruoso atto di tradimento nazionale", lo definisce l'autore: "È chiaro che il signor Zaia non avvicinerebbe alla sua bocca mai un prodotto tanto offensivo per il palato a meno che non ci sia un fotografo nelle vicinanze". Il riferimento è alla foto che il Ministero ha diffuso, dove Zaia addenta il famigerato 'hamburger italiano'.

In Italia ne ha parlato ad esempio Dissapore.com, che certo non ama la 'nota catena di fast food', e il blog 'Spinoza', che ha dedicato alla faccenda un topic del suo forum. E chissà quanti tra gli italiani che sono passati davanti a quei cartelloni hanno notato il logo, e quanti si sono chiesti cosa ci facesse lì.

Il blogger del Guardian parla da innamorato dell'Italia e ci fa i complimenti per il nostro culto della cucina e dei sapori: "Gli italiani tengono alla superiorità dei prodotti e dei piatti locali con passione. Ecco perché mangiare in giro per l'Italia è un piacere tanto continentale. Il piacere sta nella diversità, non nell'omogeneità. Chi vuole mangiare la stessa cosa in tutto il mondo?".

Insomma, una difesa delle nostre specialità locali e un attacco al pericolo di 'appiattire' tutta questa diversità in un unico panino. Ecco qual è l'errore in questo patrocinio secondo il blog del Guardian. E i commenti degli utenti britannici non sono da meno, parlano di "ipocrisia" nella scelta del Governo. Ma gli italiani cosa ne pensano?

Ricerca

Le notizie del giorno