Wired

Chi dà il nome agli anticicloni come Scipione e Caronte?

La Terra dallo spazio - clicca e guarda altre fotoLa Terra dallo spazio - clicca e guarda altre fotoPrima Scipione, come il terribile generale che sconfisse Annibale. Ora Caronte, come il traghettatore infernale dagli occhi di bragia. E poi chissà quale altra figura mitologica si scomoderà in futuro per dare un nome ai fenomeni atmosferici più importanti della stagione estiva, cioè a quelle terribili ondate di calore africano. Ma chi decide come battezzare un anticiclone, un uragano o un ciclone? Non ci sono regole precise su questo tipo di nomenclature, ci spiega il Colonnello Mario Giuliacci, storico meteorologo dell'Aeronautica Militare e volto familiare del piccolo schermo. Ma in qualche modo li si dovrà pur chiamare: Scipione e Caronte infatti sono un'invenzione del sito Il Meteo.it, praticamente i primi ad aver diffuso sul Web i due nomignoli di queste bolle d'aria calda.

Sei cascato anche tu in queste bufale? Eccone 50

"Caronte e Scipione sono creature di un noto sito meteorologico italiano, che ha deciso in completa autonomia di attribuire questi due nomi. In realtà per i due fenomeni non esiste alcuna denominazione ufficiale. Se ogni sito importante decidesse di dare il nome che preferisce, vi immaginate che Babele?", polemizza Giuliacci, che si scaglia contro la tendenza a battezzare con nomi accattivanti i fenomeni atmosferici. "Il nome di un ciclone o un uragano non è assolutamente casuale: esistono degli organismi preposti ad hoc per la loro assegnazione. Ognuna delle aree geografiche (Caraibi, Sud Est Asiatico, Oceano Indiano) ha la sua autorità competente, che fa capo all'Organizzazione Meteorologica Mondiale", spiega Giugliacci: "E anche le autorità non scelgono nomi casuali; esiste infatti una lista decisa in precedenza che in ordine determina il nome del prossimo ciclone e uragano".

Caldo torrido contro freddo gelido, ecco i luoghi più pericolosi del pianeta

L'abitudine a dare nomi propri agli uragani e ai cicloni è nata in Gran Bretagna e negli Usa nei primi anni '60: i piloti e gli scienziati che per primi gli avvistavano li battezzavano col nome della propria moglie o fidanzata perché rimanessero nella storia. "E poi c'era un riferimento, neanche troppo tacito, all'imprevedibilitàdistruttività femminile: ma in seguito alle proteste femministe e a ovvie considerazioni di eguaglianza, da qualche tempo a questa parte si alternano nomi maschili e femminili in egual misura", spiega il meteorologo.

Cambiamenti climatici, ecco i consigli per non pesare sull'ambiente

E allora come mai tutta questa confusione nella scelta del nome? "In Europa, a differenza degli Usa, non esiste alcuna autorità competente che decide come si chiamerà il prossimo fenomeno importante. Nella zona europea non si verificano degli eventi di entità molto grande: nessuno si occupa di dare un nome a un anticiclone che non ha causato alcun danno". Solo i meteorologi tedeschi hanno l'abitudine di battezzare gli anticicloni importanti, anche in questo caso scegliendo da una lista preparata in precedenza. "Per esempio, nel 1999 Germania, Francia e Italia vennero investite da un anticiclone di nome Lothar, mentre lo scorso anno l'anticiclone si chiamava Klaus", spiega Giuliaggi: "Tuttavia, non si tratta di nomi ufficiali e questi nomi rimangono nella storia solo in caso di eventi particolarmente violenti e distruttivi. Inoltre non tutti seguono i nomi tedeschi: per esempio, il fenomeno da noi battezzato Scipione, i tedeschi l'hanno chiamato Stefan. Io potrei chiamarlo Asdrubale e nessuno di noi avrebbe più ragione dell'altro".

Tale è la non ufficialità della scelta che l'Istituto di Meteorologia tedesco permette a chiunque di dare un nome a un ciclone adottandolo per la modica cifra di 199-299 euro. Per Giugliacci, un sistema europeo unico di denominazione eviterebbe un sacco di confusione tra gli scienziati, i giornalisti e il pubblico: "Inoltre, in questa maniera non saremmo interessati solo a come si chiamerà il ciclone, ma forse anche a che tempo farà".

Yahoo! Notizie - Meteo estremo, guarda i video



Ricerca

Le notizie del giorno