Blue Card, come attirare lavoratori altamente qualificati nella UE

·2 minuto per la lettura

In quelle che saranno le uniche modifiche al diritto migratorio europeo degli ultimi anni, il Parlamento europeo ha votato per approvare nuove regole che aggiornano la cosiddetta direttiva sulla blue card.

Bruxelles vuole facilitare l'attrazione di lavoratori altamente qualificati dall'esterno del blocco, in particolare dove vi sono carenze in determinati settori.

Queste aree includono l'assistenza sanitaria e le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT/Tech).

Martin Jefflen, presidente di Eurocadres: "Il settore su cui ci siamo concentrati è quello tecnologico, ed è anche quello che abbiamo menzionato specificamente nella direttiva, con alcuni diritti speciali. Direi che questo è una questione intersettoriale. Abbiamo bisogno di un migliore accesso per professionisti altamente qualificati, indipendentemente dal settore".

La carta blu, o blue card, è un permesso di lavoro e soggiorno originariamente introdotto nel 2009.

Consente a cittadini extracomunitari altamente qualificati di accettare offerte di lavoro da datori di lavoro europei. Uno dei motivi principali per l'aggiornamento dello schema della carta blu è dovuto al calo della popolazione in età lavorativa nell'unione. Si prevede che scenda da 333 milioni nel 2016 a 292 milioni entro il 2070. I politici europei sperano di affrontare questa riduzione della forza lavoro, in parte, rafforzando la direttiva sulla carta blu.

Alcune delle modifiche includono:

- avere una soglia più bassa per lo stipendio minimo che i candidati devono guadagnare per qualificarsi

- presentare un contratto di lavoro in corso di validità di almeno sei mesi anziché i precedenti 12

- consentire ai rifugiati e ai richiedenti asilo che attualmente vivono nell'UE di presentare domanda per il programma

- dare ai familiari la possibilità di entrare a far parte dei titolari di Carta Blu e anche di cercare lavoro

- e la possibilità di spostarsi all'interno dell'UE per nuovi posti di lavoro dopo 12 mesi di lavoro

Abbassando i criteri di ammissione e rafforzando i diritti dei titolari di Carta blu e delle loro famiglie, i deputati sperano di aumentare l'attrattiva del programma

Ma Jo Antoons, avvocatessa belga specializzato nell'aiutare i lavoratori extracomunitari a ottenere la carta blu, afferma che il modo migliore per attirare talenti sarebbe che gli Stati membri lavorino insieme sulla questione.

Così Jo Antoons, avvocatessa presso Fragomen Global LLP: "La cosa più importante è che siamo in grado in Europa di profilarci come la destinazione di scelta dei talenti, in modo da competere con altre regioni del mondo e vedere che il talento, il miglior talento possibile dall'estero, arriva in Europa. E ciò può essere raggiunto solo se guardiamo all'Europa nel suo insieme e non ai singoli Stati membri".

Francia, Italia, Germania, Spagna e Polonia hanno rilasciato insieme il 75% di tutti i permessi registrati nel 2019.

Ma con Danimarca e Irlanda esenti dall'intero processo, i legislatori europei sperano che le nuove regole incoraggino più Stati membri a utilizzare lo schema della carta blu.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli