BlueBay: “Nessuna frenata delle banche centrali in arrivo, ma meglio tenere la guardia alta”

Leo Campagna
·3 minuto per la lettura
BlueBay: “Nessuna frenata delle banche centrali in arrivo, ma meglio tenere la guardia alta”
BlueBay: “Nessuna frenata delle banche centrali in arrivo, ma meglio tenere la guardia alta”

Per Mark Dowding, CIO di BlueBay, se i rendimenti USA a 10 anni si muovessero in modo rapido in area 1,75%, l’S&P potrebbe correggere del 5% o più e trascinare al ribasso i corporate bond e i mercati emergenti

Dopo aver toccato un minimo nello scorso mese di agosto, i rendimenti statunitensi sono cresciuti di oltre 50 punti base dall’inizio del 2021, raggiungendo i massimi degli ultimi 12 mesi: un movimento che si è propagato anche agli altri mercati globali. Nello scenario attuale, nel quale il virus perde terreno e l’outlook economico sembra rasserenarsi, c’è l’impressione che la velocità e l’ampiezza del recente rialzo dei rendimenti stia preoccupando le banche centrali e che queste, nel caso in cui tali trend dovessero persistere, siano intenzionate a intensificare la propria comunicazione verbale nei prossimi giorni.

GLI INVESTITORI GUARDANO AL FUTURO

Tuttavia le iniziative sul fronte della politica fiscale potrebbero contare ancor più delle parole dei banchieri centrali. “È vero che la Fed intende scongiurare una repressione prematura delle condizioni finanziarie, se non altro perché la pandemia è tutt’altro che debellata mentre la disoccupazione resta elevata. Ma è altrettanto vero che gli investitori guardano al futuro e non si può escludere che il numero di coloro che si aspettano rendimenti obbligazionari più elevati possa continuare a superare quello di coloro che si aspettano un rally sui mercati”, fa sapere Mark Dowding, CIO di BlueBay.

IL MOVIMENTO AL RIALZO DEI TASSI DEI TREASURY PREOCCUPA

Resta il fatto che iI movimento al rialzo dei rendimenti dei Treasury preoccupa: se non si dovesse affievolire a breve, potrebbero aumentare i rischi di un nuovo taper tantrum simile a quello del 2013, che vide una forte correzione dei mercati dopo che la Fed aveva annunciato che avrebbe ridotto il suo programma di acquisto di bond. Tuttavia, per quanto i rischi siano in aumento, sembra che, almeno per il momento, il sentiment stia resistendo. A questo proposito, si può constatare come ci sia ampia liquidità pronta a essere impiegata in nuove transazioni nelle Spac, veicoli quotati in Borsa che si fondono con un’attività non quotata acquisita che a quel punto si ritrova già quotata senza dover passare per una IPO.

IL MESE DI MARZO POTREBBE RIVELARSI AGITATO

“In questa fase la direzione del mercato, nel suo complesso, dovrebbe essere determinata dalla traiettoria dei rendimenti dei bond governativi. Il nostro scenario di base è che possa prendere corpo una pausa temporanea del sell-off sui tassi nel qual caso resteranno opportunità per sfruttare le posizioni sul credito corporate e sovrano e ci attenderemo una compressione”, specifica Dowding. Per contro, secondo il CIO di BlueBay, se i fattori tecnici del mercato spingeranno ancora al rialzo i rendimenti e i commenti della banca centrale non riusciranno a placare la rotta dei prezzi (al ribasso) e dei rendimenti (al rialzo) allora il mese di marzo potrebbe rivelarsi agitato.

NON SI PUÒ ESCLUDERE UNA CORREZIONE DELL’S&P 500 DEL 5% O PIÙ

Fino a poco tempo fa la strategia di Dowding prevedeva un posizionamento rialzista sugli asset rischiosi nella prima metà del 2021, per poi assumere una posizione difensiva più avanti nell’anno. Ma ora ci si chiede se la grande mossa nei tassi avverrà più avanti quest’anno. “Questo particolare mini-ciclo potrebbe essere già agli sgoccioli, con i tassi forward a 5 anni sui bond a 10 anni vicini al 2,5%. Resta però difficile prevedere le tempistiche e, nel caso in cui rendimenti USA a 10 anni si muovessero in modo rapido in area 1,75%, allora non si potrà escludere ad una correzione dell’S&P del 5% o più, in grado di innescare un ribasso dei bond corporate e dei mercati emergenti”, conclude il CIO di BlueBay che, sebbene resti fiducioso che il tantrum possa essere evitato per il prossimo mese, suggerisce di tenere la guardia alta.