Bnl (Bnp Paribas): EduCare per divulgare cultura economico finanziaria

(ASCA) - Roma, 26 mar - Bnl (Gruppo Bnp Paribas), dopo il

successo ottenuto dall'iniziativa ''EduCare'', che ha portato

in tutta Italia seminari gratuiti di educazione ed

in-formazione finanziaria - continua nel proprio concreto

impegno per la diffusione della cultura e della

consapevolezza sui temi del risparmio, degli investimenti, ma

anche sulle nuove tecnologie e su quanto possa essere utile

conoscere per confrontarsi con un mondo in continua

trasformazione.

E' con questo spirito che Bnl ha voluto far crescere

ulteriormente EduCare e portare l'iniziativa ancor di piu'

tra la gente e nei luoghi dove si fa e si diffonde cultura ed

informazione: Librerie Feltrinelli e Wired sono, infatti, i

nuovi partner della Banca, accomunati dalla vicinanza alle

persone e alla loro vita quotidiana, come dalla sensibilita'

verso la ''conoscenza'', quale strumento fondamentale per la

gestione delle esigenze quotidiane e per realizzare i propri

progetti di crescita.

I nuovi seminari sono stati completamente riprogettati per

rispondere meglio alle nuove finalita' ed alle esigenze di un

piu' vasto pubblico, adottando i principi

dell'apprendere-facendo attraverso simulazioni ed analisi di

casi concreti. La stessa concretezza con la quale vengono

esplorati i nuovi strumenti della tecnologia - protagonisti

della ''rivoluzione digitale'' - che possono non solo

agevolare ma anche intensificare la relazione tra le persone,

l'economia e la finanza.

'Abbiamo intrapreso il Progetto ''EduCare'' quattro anni fa -

ha dichiarato l'amministratore delegato di Bnl Fabio Gallia -

per offrire il nostro contributo alla diffusione di una

cultura finanziaria ed economica, convinti della necessita'

di una migliore consapevolezza per operare scelte piu'

corrette in tema di risparmio e indebitamento. Oggi siamo

ancora piu' determinati nel proseguire in questo percorso in

modo concreto, per offrire informazione e entrare in contatto

diretto con nuovi pubblici, anche grazie ad iniziative come

questa con Feltrinelli e Wired, che hanno condiviso con noi

spirito e finalita'''.

I nuovi seminari EduCare sono realizzati, grazie sia agli

specialisti della Banca sia agli esperti esterni e ai

giornalisti di Wired, nelle maggiori citta' italiane.

EduCare, infatti, e' approdato su Facebook e Twitter, per

facilitare l'interazione e la pro-attivita' su diversi temi

di discussione.

Ad oggi sono 9 i seminari tenuti presso le librerie di

Milano, Roma e Napoli, l'accoglienza del pubblico e' stata

molto positiva sia in termini di presenza sia di

partecipazione attiva. A breve partira' un nuovo ciclo di

circa 50 seminari anche in altre citta' e con nuovi

argomenti.

''Da piu' di cinquant'anni, Librerie Feltrinelli si pone

l'obiettivo, laico e democratico, di mettere il suo pubblico

a contatto con il meglio della produzione culturale, senza

soglie elitarie e con una profonda vocazione divulgativa, ha

affermato il presidente di Librerie Feltrinelli, Carlo

Feltrinelli. Per questo abbiamo subito deciso di aderire alla

proposta di partnership giunta da Bnl: offrire al pubblico

delle librerie una serie di incontri che lo aiutino a capire

quali strumenti sono a sua disposizione per muoversi in

quella sfera economico-finanziaria che, mentre occupa le

prime pagine dei quotidiani e le ''copertine'' dei tg, al

contempo entra nella vita di tutti con le sue ricadute sui

risparmi e la spesa delle famiglie, la costruzione del

proprio futuro''.

Bnl, Feltrinelli e Wired, inoltre, stanno sviluppando

progetti ed iniziative congiunte per essere sempre piu'

vicini e al servizio dei clienti, attuali e potenziali.

Wired, con il sostegno della banca. ha recentemente lanciato

una rubrica - cartacea e online - ''Wired Money'', per

aiutare i lettori a gestire il denaro.

''L'attuale percorso di Wired - ha detto il ditrettore di

Wired Italia Carlo Antonelli - sta incontrando sempre piu' -

a partire dal numero del settembre 2011 dedicato

all'innovazione nella scuola e da quello di gennaio 2012 dove

e' nata una nuova sezione esplicitamente intitolata Wired

Money - una sensibilita' forte e in crescita per i temi

incrociati dell'educazione, dell'attenzione alla

responsabilita' nei confronti delle comunita', nei confronti

dei territori che abitano abitualmente (reali, digitali e/o

'aumentati' che siano) e di una nuova pratica della relazione

col denaro, l'economia e la finanza privata e pubblica data

dalla congiuntura economica in corso da almeno otto mesi. In

tal senso ogni iniziativa che unisca queste tre aree e unisca

oltretutto partner di eccellenza assoluta quali BNL e

Feltrinelli e' per noi fonte di serio entusiasmo, certi che

questa sia la relazione che il brand Wired, come magazine e

come testata online, debba intrattenere con i propri

utenti''.

Ricerca

Le notizie del giorno