Bocconi con chiodi di ferro per uccidere i cani a Ortona

bocconi con chiodi

Succulenti bocconi di würstel con dentro una pericolosa sorpresa: chiodi di ferro. L’obiettivo di questi bocconcini? Uccidere i cani del circondario. Lo segnala la Lega italiana dei diritti dell’animale, Lida, di Ortona che il 22 ottobre ha lanciato l’allarme. La segnalazione riguarda soprattutto la parte orientale del piccolo comune in provincia di Chieti. Qualcuno avrebbe infatti disseminato quella zona della città di esche per cani imbottite di chiodi di metallo capaci di causare lesioni interne letali.

Bocconi con chiodi, attenzione a bambini e cani

“Fate attenzione ai vostri bambini e ai vostri animali chiunque abbia visto qualcosa può scriverci o contattarci i qualsiasi modo oppure recarsi al comando stazione dei carabinieri”, questo il messaggio pubblicato sulla pagina Facebook dalla Lida di Ortona.

I bocconcini infatti rappresentano un rischio non solo per i cani e i gatti del quartiere ma anche per i bambini, che potrebbero accidentalmente o volutamente metterli in bocca.

La Lida, avvisata del pericolo da alcuni volontari, ha tempestivamente allertato le forze dell’ordine, tra cui Polizia e Carabinieri. L’episodio è stato segnalato anche alla Asl locale e al sindaco di Ortona, Leo Castiglione. Disseminare alimenti avvelenati o modificati per uccidere animali va contro il codice penale. Il gesto potrebbe infatti configurare ben quattro differenti reati, con ammende che vanno dai 1000 fino ai 5000 euro e con la reclusione da 1 fino ai 3 anni.

Nel marzo del 2019 due cani, Tina e Piero, hanno perso la vita dopo aver ingerito dei bocconcini avvelenati lanciati nel cortile del padrone.