Boeing ucraino abbattutto, Lavrov: necessaria deescalation Iran-Usa

Cgi

Mosca, 17 gen. (askanews) - La "tragedia" del Boeing 737 ucraino abbattuto l'8 gennaio a Teheran dimostra che è tempo che l'Iran e gli Stati Uniti inizino una "de-escalation". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, suggerendo che "è un segnale molto serio per iniziare la de-escalation, piuttosto che procedere con le minacce permanenti".

"Le crescenti tensioni tra Iran e Stati Uniti non aiuteranno a risolvere alcuna crisi nella regione", ha affermato Lavrov. E sull'Iran anche "gli europei possono fare molto di più".(Segue)