Boldrini a Coffee Break: “Salvini? Abbiamo lavorato per mandarlo via”

boldrini a coffee break

Ospite della trasmissione di La7 Coffee Break, Laura Boldrini non ha risparmiato forti critiche a Matteo Salvini: “Questo governo è sicuramente sperimentale, non nego che è un azzardo. Partiti con culture politiche diverse hanno fatto questa scommessa e l’hanno fatta perché ritenevano necessario farlo, perché c’era di mezzo il paese“.

Boldrini a Coffe Break contro Salvini

C’era un figura che chiedeva pieni poteri – ha affermato Boldrini nel corso della trasmissione -, che aveva aperto questa crisi senza un motivo evidente: aveva incassato la Tav, il decreto Sicurezza bis. Voleva trasformare i consensi dei sondaggi in consensi reali, quindi per interesse personale ha voluto staccare la spina senza dimettersi e senza far dimettere i propri ministri e costringendo Conte a fare il passo, dimostrando di non aver alcun senso dello Stato e senza capire che non sta a lui sciogliere le Camere. Dice ai parlamentari di alzare le terga e andare a lavorare – prosegue Boldrini -. Ecco, noi lo abbiamo fatto: in pieno agosto siamo andati a Roma, siamo andati a lavorare e abbiamo deciso, in rispetto della Costituzione, di mandarlo a casa”.

“Salvini ha fatto solo show”

Commentando anche il tema dell’immigrazione, Laura Boldrini ha poi proseguito la sua critica nei confronti dell’ex ministro dell’Interno: “Penso che nei mesi precedenti il fenomeno migratorio non sia stato gestito. Salvini aveva detto di rimpatriare 600 mila migranti, e questo non è avvenuto: certifica il suo fallimento nella gestione del fenomeno. Doveva anche gestire i flussi migratori, ma neanche questo ha fatto: i porti sono sempre stati aperti. L’unica cosa che è avvenuta è che ad ogni imbarcazione delle Ong lui facesse questo grande show per attirare l’attenzione. L’Italia è uscita – ha affermato – dall’isolamento europeo nel quale l’aveva portata Salvini, ora si è riaperto un canale di negoziati per trovare una soluzione, come è giusto che sia”.