Boldrini e il tumore: “Ho scoperto di essere vulnerabile. Da Salvini bel gesto di civiltà”

·1 minuto per la lettura
Laura Boldrini tumore
Laura Boldrini tumore

Laura Boldrini ha raccontato l’operazione subita a causa di un tumore al femore, un sarcoma raro, e sottolineato come la malattia l’abbia cambiata e fatta scoprire fragile e vulnerabile.

Laura Boldrini e il tumore

Intervistata dal Corriere della Sera, l’ex presidente della Camera e ora deputata del Partito Democratico ha spiegato che l’operazione a cui si è dovuta sottoporre è stata complicata e delicata. “Mi hanno tagliato 25 centimetri di femore e al suo posto hanno messo una protesi in titanio, con una calza“, ha dichiarato.

Operatasi al Rizzoli di Bologna, una struttura in cui ha incontrato grande competenza e umanità, attualmente si trova ancora ricoverata a Roma per fare fisioterapie e impadronirsi di nuovo dei piccoli gesti: Alzarmi e mettermi a letto da sola sarà una conquista, come fare le scale“.

Ha poi affermato che la malattia, di cui non nega di aver avuto paura e che non era preparata ad affrontare, l’ha cambiata facendola riscoprire fragile e vulnerabile. Se infatti era sempre stata abituata ad una vita dinamica e veloce, ora sta scoprendo un’altra dimensione. Ha inoltre apprezzato la solidarietà di Matteo Salvini, che ha definito un gesto di civiltà: “Noto anche che in rete sono diminuiti gli odiatori, a conferma del fatto che i leader sui social sono importanti e hanno grandi responsabilità“.

Infine un auspicio in ambito sanitario, ovvero che l’Italia approfitti del G20 per i vaccini. Il 21 maggio è infatti la giornata della sanità all’interno dell’evento e la sua speranza è che il governo chieda la deroga per i brevetti degli antidoti anti Covid, “che devono essere un bene pubblico“.