Bolivia, a fuoco case sorella Morales e governatori

webinfo@adnkronos.com

Un gruppo di manifestanti che hanno chiesto le dimissioni del presidente della Bolivia, Evo Morales, hanno dato alle fiamme la casa della sorella del presidente, Ester Morales, e quelle dei governatori di Oruro e Chuquisaca, rispettivamente Víctor Hugo Vásquez ed Esteban Urquizu. Morales ha denunciato e condannato dal suo account Twitter "davanti alla comunità internazionale e al popolo boliviano che il piano di golpe fascista compie atti violenti con gruppi irregolari che hanno bruciato la casa dei governatori di Chuquisaca e Oruro e mia sorella in quella città", ha detto il presidente. "Conserviamo la pace e la democrazia", ​​ha aggiunto. 

In questo contesto, Morales ha anche condannato "l'atteggiamento degli ex difensori del popolo", che "invece di proteggere i diritti umani violano la libertà di espressione e si uniscono ai complotti razzisti del colpo di stato per tentare contro i media statali come hanno fatto le dittature militari". "Vogliono mettere a tacere la stampa per perpetrare il colpo di stato", ha sottolineato.