Bolivia, indagati per corruzione Morales e altri 600 responsabili -2-

Fco

Roma, 8 gen. (askanews) - Secondo Mathias Kutsch, i procedimenti riguardano "il presidente (Evo Morales), il vicepresidente (Alvaro Garcia), ex ministri e vice-ministri, capi di stato maggiore" e funzionari "attualmente rifugiati all'estero".

Oltre all'ex capo di stato, rifugiato in Argentina, molti ex membri dell'esecutivo hanno "abbracciato" la strada dell'esilio. Una decina di loro, incluso l'ex braccio destro di Evo Morales, Juan Ramon Quintana, hanno trovato rifugio nella residenza diplomatica messicana a La Paz. (Segue)