Bolletta più che raddoppiata: uomo aggredisce moglie e figlio

Bologna
Bolletta più che raddoppiata: uomo aggredisce moglie e figlio

Il rincaro delle bollette di luce e gas sta causando non pochi problemi alle famiglie italiane e c'è persino chi perde la testa. Lo testimonia quanto successo a Pesaro, dove la bolletta raddoppiata è stata la causa di un'accesa lite in famiglia.

VIDEO - Crisi del gas, tutti i trucchi per risparmiare suggeriti dall'ENEA

Un uomo di 50 anni non ha affatto gradito la nuova bolletta di luce e gas, dilatata a causa dei rincari, e la sua reazione è stata a dir poco esagerata. Il 50enne, infatti, ha perso la testa e aggredito la sua famiglia. L'uomo ha scagliato la sua rabbia contro la moglie e il figlio maggiorenne. Poi è stato fermato.

LEGGI ANCHE: Aggredisce medico al pronto soccorso di Civitavecchia: denunciato

Dopo aver visto una bolletta più che raddoppiata rispetto al solito, l'uomo avrebbe impugnato un paio di forbici, puntandole contro moglie e figlio. Il 50enne avrebbe minacciato la sua famiglia per poi scagliarsi contro televisore e playstation, lanciandoli a terra e distruggendoli. "Devi trovare un lavoro, non puoi stare a casa a giocare tutto il giorno", avrebbe detto l'uomo al figlio.

LEGGI ANCHE: Caro bollette: "Stangata da 2.852 euro anche senza rincari"

A quel punto sarebbe scaturita una colluttazione, che ha portato la moglie ad allertare le forze dell'ordine. Stando a quanto riferito dagli agenti giunti sul posto, al momento dell'aggressione l'uomo era ubriaco. Al loro arrivo, pare sia calmato e ha consegnato le chiavi di casa.

GUARDA ANCHE - Elettrodomestici: quali consumano di più?

Dalle informazioni rese note finora, l'aggressore sarebbe un piccolo muratore artigiano da vent'anni residente a Pesaro. Su di lui gravano le accuse di minacce aggravate e maltrattamenti in famiglia. All'uomo, inoltre, è stato disposto il divieto di avvicinamento a moglie e figlio. Il 50enne ha così lasciato la casa familiare ed è stato ospitato da un amico.

LEGGI ANCHE: Caro energia, Salvini: "Seguire modello Macron"

L'indagato, che si è avvalso della facoltà di non rispondere, è ora assistito dagli avvocati Luigi Farachi e Cinzia Fenici, i quali dichiarano: "Aspettiamo di vedere le carte, poi decideremo cosa fare. Il nostro assistito vuole risolvere il problema dell'alcol e vuole seguire un percorso. La sua dipendenza è stata acuita da difficoltà economiche incredibili. Vive di piccoli lavoretti e ha il pensiero di mantenere moglie e figli. Non riesce a fare fronte ai rincari energetici. Quando ha visto quella bolletta è scattato, ma adesso vuole farsi aiutare e riallacciare i rapporti deteriorati con figlio e moglie".