Bollette, il leader della Lega: "Draghi spenda parole chiare sugli aumenti"

·1 minuto per la lettura
Salvini a Draghi sulle bollette
Salvini a Draghi sulle bollette

Il leader della Lega Matteo Salvini si è espresso sull’aumento delle bollette previsto per l’autunno 2021 affermando che il Premier Draghi si era preso con lui l’impegno a evitare qualsiasi incrementi di tasse. Di qui il suo invito a scongiurare il caro tagliando una parte dell’imposta sul valore aggiunto come chiesto dal suo partito.

Salvini a Draghi sulle bollette

La priorità della Lega, ha spiegato, è infatti quella di evitare che l’aumento ricada sulle famiglie. “Dato che per la metà si tratta di tasse, se vuole il governo può tagliare subito una parte dell’Iva come ho chiesto a Draghi“. Il capo del governo, ha continuato, gli aveva assicurato che non sarebbe aumentata neanche una tassa, mentre ora “qualcuno vorrebbe aumentare le tasse su negozi, case e capannoni che sono già più care del necessario“.

Salvini a Draghi sulle bollette: l’attacco agli alleati di governo

Salvini si è dunque scagliato contro i suoi alleati di governo, in particolare Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico: “Non lasciamo il governo nelle loro mani, se vogliono si spostino Giuseppe Conte e Enrico Letta. Noi stiamo qui a vigilare“. Al presidente del Consiglio chiedono però parole chiare sugli aumenti, un dovere da parte del governo perché le famiglie si devono rialzare dopo un anno e mezzo di pandemia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli