**Bologna: 16enne uccisa, minacce di morte su profilo social del fermato**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 30 giu. (Adnkronos) – Insulti e minacce di morte. Il profilo Instagram del 16enne fermato per l'omicidio dell'amica Chiara Gualzetti, colpita ripetutamente con un coltello da cucina la mattina di domenica scorsa nel parco vicino casa a Monteveglio (Bologna), sta diventando il contenitore di un odio social che cresce con le ore. Sotto l'ultima foto a petto nudo del ragazzo e la frase 'La vita è bella', i messaggi sono adesso un centinaio. Età e genere sono indistinti nel riversare nei commenti auguri di morte. "Devi fare la stessa fine che hai fatto fare alla ragazza, ma tu devi soffrire di più", scrive una ragazza. "Assassino malefico mi auguro che lo stesso demone che ti ha suggerito di uccidere, ti suggerisca di impiccarti", scrive un'altra giovane donna.

"Finché non sarà fatta giustizia non ci fermeremo, la devi pagare. Non farti trovare bastardo perché finisce male", scrive chi millanta di essere cugino della vittima. Una violenza verbale che stona con il contegno tenuto dai genitori di Chiara. "Sei nato nel nome di satana, muori in galera tu e i tuoi demoni", il messaggio di chi si firma Beatrice. "Sei l'unica persona a cui auguro la morte" e non manca chi invoca "la sedia elettrica". Toni ed espressioni ben diverse da quelle che si possono leggere, invece, sotto l'ultima immagine postata da Chiara che con il suo profilo fake metteva like alle ultime foto dell'amico. Sono oltre un migliaio le parole di affetto e le preghiere per la giovane vittima e le condoglianze rivolte alla famiglia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli