Bologna: Conti, 'io candidata sindaco? Ci penso'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 apr (Adnkronos) – "Diciamo che Matteo da tempo pensa che dovrei impegnarmi per Bologna, e non è il solo da queste parti"; voglio "rifletterci" perchè "in tanti amici bolognesi me lo stanno chiedendo, e sarebbe irrispettoso sottrarmi a priori a queste richieste". Lo dice al Foglio Isabella Conti, sindaco di San Lazzaro di Savena, a proposito della proposta fatta ieri da Mattreo Renzi a Enrico Letta di candidarla per il centrosinistra alle prossime comunali a Bologna.

"E' stato nella sinistra giovanile che ho esordito, a 14 anni, prima di entrare in Consiglio comunale coi Ds e poi partecipare alla fondazione del Pd, il partito che è stato per più di dieci anni la mia casa e di cui ho un profondo rispetto", spiega la Conti che, tra le altre cose, parla del rapporto con le Sardine e con il M5s.

Le Sardine "erano insieme a noi a realizzare la scritta 'Black Lives Matter' in piazza a San Lazzaro, a giugno. Loro parlano per simboli, e su quei simboli non vedo distanze. Poi spetterà a loro decidere come calare nel concreto queste loro istanze ideali. Da parte mia, nessuna preclusione". E il M5s? "Sulle dinamiche nazionali non mi pronuncio. Max Bugani però è un cittadino di San Lazzaro, e con lui ho un ottimo rapporto. So che a Bologna il M5s nasce sul terreno delle battaglie tradite dalla sinistra, come appunto il consumo del suolo. Se noi, con pragmatismo e intelligenza, traduciamo in risultati reali quegli slanci idealistici, credo che non dobbiamo temere il confronto con nessuno, qui in Emilia".