Bologna: guarita dopo tre mesi, modella di nuovo positiva al Covid

·1 minuto per la lettura
Bianca Dobroiu (Post Facebook)
Bianca Dobroiu (Post Facebook)

La giovane modella di origine rumena Bianca Dobroiu, prima persona a contrarre il Covid-19 a Bologna, si è reinfettata a poco più di un anno dal primo contagio. Durante la prima ondata la 24enne rimase positiva per 80 giorni, e adesso l’incubo si ripete.

"Quando ho riletto per l’ennesima volta “esito positivo” sono rimasta senza parole. Ho letto e riletto un milione di volte quelle maledette otto lettere, non ci potevo credere", ha raccontato in una intervista a Il Fatto Quotidiano.

La modella, che ha contratto la variante Delta, ha detto di stare malissimo tra "febbre a 39 e mezzo, dolori, mal di testa, raffreddore terribile e occhi che lacrimano”. La 24enne ha poi aggiunto: "Spero di non passare ancora tre mesi confinata nella mia stanzetta/prigione e soprattutto di non finire ancora in ospedale perché quei giorni sono stati spaventosi".

GUARDA ANCHE: Coronavirus, parla il "Paziente 1"

La paziente 1 di Bologna si è detta incredula di aver contratto il virus, perché avrebbe rispettato le norme e le misure per il contenimento della pandemia. Sebbene sfortunata, la 24enne ha ammesso di sentirsi “un po’ in colpa”: “Sono stata ingenua a non vaccinarmi in queste settimane. Perché? Avevo fatto il sierologico poche settimane fa e avevo ancora anticorpi, quindi mi sentivo tranquilla. Non si parla mai di reinfezioni o di persone che si ammalano per la seconda volta, quindi o sono io decisamente sfortunata o c’è proprio un buco nell’informazione".

Infine, l'appello ai giovani: "Vaccinatevi e smettetela di dire stupidaggini. Il vaccino è l’unica soluzione per uscire da questo incubo".

GUARDA ANCHE: Ad Oxford si studiano le reinfezioni per debellare le varianti del covid

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli