Bologna: De Maria, 'Pd tenga logiche di corrente fuori da dibattito su amministrative'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 mar. (Adnkronos) – "Le tensioni che ci sono nel Pd di Bologna, che è giusto non sottovalutare pur essendo in parte fisiologiche di fronte a scelte importanti, dimostrano soprattutto, dal mio punto di vista, quando fosse fondato un appello all'unità che, per quanto mi riguarda, faccio fin dall'inizio della discussione in atto. Come è noto ho sempre sostenuto un percorso unitario senza primarie, anche aldilà delle problematiche legate alla pandemia. È questo il modo di arrivare più forti all'appuntamento elettorale e di dare alla Città il giusto messaggio di coesione e di responsabilità che richiedono i tempi che stiamo vivendo". Così Andrea De Maria, deputato Pd eletto a Bologna.

"Per me la responsabilità collettiva di un gruppo dirigente deve venire sempre prima dei percorsi individuali, per quanto legittimi. È importante ora definire con ancora più chiarezza le nostre priorità programmatiche da proporre ad una coalizione di Centrosinistra larga, aperta al civismo ed ai moderati".

"Sono contento perché alcuni temi che ho posto in questi mesi, come il valore delle politiche della sicurezza, della legalità e della coesione sociale e della autonomia ed indipendenza delle istituzioni siano oggi ampiamente condivisi fra noi. Sono convinto che nel Partito Democratico di Bologna ci siano le condizioni per individuare unitariamente una proposta di candidatura a Sindaco da proporre alla coalizione. Un impegno unitario che, con tenacia e serietà, il Segretario del Pd di Bologna Tosiani ha sempre perseguito".