Bologna, papà fa nascere figlio in casa grazie all'infermiera... via app

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Far nascere un bambino in casa è roba di altri tempi, ma se a farlo è un papà grazie all’aiuto di una applicazione è l’ennesimo passo della modernità nel 2021. Tutto questo è successo a Crevalcore, in provincia di Bologna, dove grazie all’aiuto di una infermiera e di una piattaforma medica un giovane neo-padre è stato capace di far partorire la moglie in tutta sicurezza.

A raccontare l’accaduto è stata Elisa Nava, l’infermiera aiutante che in videomessaggio ha ricostruito i delicati momenti del parto: "Nella notte tra l'1 e 2 gennaio, all'una e mezzo circa, una collega ha ricevuto telefonata di un papà che che chiedeva un'informazione per sapere se poteva portare sua moglie in Ostetricia perché secondo lui era il momento di far nascere il bimbo. La mia collega ha capito subito che forse era meglio rimanere a casa perché sarebbe stato un parto imminente".

“Ho deciso di richiamare il papà e di fargli attivare FlagMe, la piattaforma che ci consente di fare videochiamate con gli utenti per potere avere una visione di quello che sta succedendo e guidare le loro azioni. Il papà era molto agitato, ma mi ha seguito in tutto quello che gli dicevo di fare, è stato molto bravo" il racconto dell’infermiera.

VIDEO - Il Vaccino AstraZeneca arriva nel Regno Unito

Tra l’inizio della chiamata e il primo pianto del neonato sono passati appena 12 minuti: “Dodici minuti molto intensi conclusi con un meraviglioso pianto del bimbo, estremamente emozionante e liberatorio". "È stato fondamentale avere Elisa che ci ha aiutato perché noi non sapevamo assolutamente cosa fare, eravamo nel panico più totale", dice in un video Matteo, papa' del bimbo. L’operatrice ha avuto anche il piacere di conoscere di presenza il piccolo Alex, incontrato nel reparto di Ostetricia dell'Ospedale Maggiore di Bologna.