Bolsonaro e il clima: "L'Amazzonia è una foresta umida, non prende fuoco"

·2 minuto per la lettura
ROME, ITALY - OCTOBER 30: President of Brazil Jair Bolsonaro greets leaders as they arrive for family photo session on the first day of the Rome G20 summit, on October 30, 2021 in Rome, Italy. The G20 (or Group of Twenty) is an intergovernmental forum comprising 19 countries plus the European Union. It was founded in 1999 in response to several world economic crises. Italy currently holds the Presidency of the G20 and this year's summit will focus on three broad, interconnected pillars of action: People, Planet, Prosperity. (Photo by AM POOL/Getty Images) (Photo: AM POOL via Getty Images)
ROME, ITALY - OCTOBER 30: President of Brazil Jair Bolsonaro greets leaders as they arrive for family photo session on the first day of the Rome G20 summit, on October 30, 2021 in Rome, Italy. The G20 (or Group of Twenty) is an intergovernmental forum comprising 19 countries plus the European Union. It was founded in 1999 in response to several world economic crises. Italy currently holds the Presidency of the G20 and this year's summit will focus on three broad, interconnected pillars of action: People, Planet, Prosperity. (Photo by AM POOL/Getty Images) (Photo: AM POOL via Getty Images)

“Il Brasile è un paese che emette soltanto il 7% di anidride carbonica. Ovviamente noi abbiamo il settore zootecnico che genera anche anidride carbonica, genera emissioni. Però due terzi del territorio brasiliano sono assolutamente preservati”. Lo ha dichiarato il presidente del Brasile Jair Bolsonaro in un’intervista a Sky Tg24. “Purtroppo in Brasile c’è una guerra di potere, diversamente da chi mi ha preceduto c’è molta critica su di me per quanto riguarda l’Amazzonia. Però l’Amazzonia non prende fuoco, è una foresta umida, prende fuoco soltanto nelle sue zone periferiche, qui ci sono stati disboscamenti illegali che noi combattiamo. Lo facciamo così bene che la stampa non dice più niente su questo”.

In Brasile “abbiamo già consegnato più di 20 milioni di dosi di vaccino per la nostra popolazione di oltre 210 milioni di persone, quindi posso dire che il Brasile sta andando bene su questa questione. Noi siamo sempre stati a favore del vaccino - sottolinea Bolsonaro - io ho destinato molte risorse per l’acquisto di vaccini ed è quello che è successo. Io però ho l’idea che i medici debbano avere autonomia su come trattare il paziente e su quali medicinali scegliere o per curare”.

“Per combattere la crisi economica durante la pandemia, credo di essere stato l’unico capo di Stato nel mondo contrario al lockdown, al confinamento”, ha detto il leader brasiliano. “Abbiamo dato la possibilità ai governatori e ai sindaci brasiliani di decidere cosa bisognasse fare, noi abbiamo cercato di aiutare. Purtroppo, la situazione che si è creata e alcune decisioni che sono state prese hanno fatto peggiorare moltissimo l’economia del paese e le conseguenze le possiamo vedere ora. Comunque nel 2019 noi abbiamo sofferto molto meno per quanto riguarda l’ economia. Molti dicevano che il Brasile sarebbe cresciuto del 10%, in ogni caso siamo cresciuti del 4%. Con questo voglio dire che il Brasile ha affrontato la crisi pandemica ed è il Paese che sta crescendo di più in questa fase post pandemia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli