Bolzano, donna trovata morta in casa: arrestato il marito

webinfo@adnkronos.com

Svolta nel caso della donna pachistana trovata morta ieri nel suo appartamento a Versciaco, in provincia di Bolzano. Dopo una notte in caserma è stato disposto il fermo del marito, Z.M., pachistano di 38 anni, che non ha fornito ai magistrati e agli investigatori un'effettiva spiegazione di ciò che era accaduto alla coniuge. Sono stati i Carabinieri di Bolzano e San Candido, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Bolzano, a procedere con il provvedimento.  

La salma della donna riporta evidenti segni di violenza fisica, anche se al momento non è chiara la causa effettiva della morte, che si potrà accertare solo a seguito di esame autoptico, che verrà effettuato nei prossimi giorni. Il trentottenne, davanti alle contestazioni degli inquirenti, rese precise dalle molteplici testimonianze raccolte tra amici e colleghi di lavoro, si è chiuso in un assoluto silenzio, e quindi è stato indagato e gli è stato nominato un avvocato. Giunto lo stesso in caserma, è stato dato corso all’interrogatorio al quale l’indagato non ha risposto alle domande dei magistrati. A questo punto, i sostituti procuratori intervenuti, considerati in gravi indizi a carico dell’indagato per il delitto di omicidio pluriaggravato, valutato altresì grave e concreto il pericolo di fuga, hanno disposto con decreto il fermo d’indiziato di delitto, immediatamente eseguito dai carabinieri. 

Sottoposto a rilievi fotodattiloscopici e a visita medica, il presunto uxoricida è stato condotto al carcere di via Dante a Bolzano, in modo da evitare il pericolo di fuga, nonché un eventuale inquinamento delle prove, è stato arrestato e tradotto presso il carcere di Bolzano. Ora il pubblico ministero chiederà al giudice per le indagini preliminari la convalida del fermo entro quarantotto ore da stanotte. Il Gip fisserà l'udienza di convalida entro le successive 48.