Bomba carta sotto l’auto: la denuncia del writer Cibo

bomba carta auto

Pier Paolo Spinazzé è un giovane veronese noto come “Cibo”: la sua attività è quella di andare in giro per la città e ricoprire con dei colorati disegni le svastiche presenti sui muri. Questa sua mission, tuttavia, sembra stare scomoda a qualcuno che solo pochi giorni fa gli avrebbe giocato un bruttissimo scherzo. Lo stesso writer avrebbe infatti presentato denuncia ai carabinieri per una presunta bomba carta sistemata ed esplosa sotto la sua autovettura. La Digos di Verona sta indagando sul caso.

Bomba carta sotto l’auto

Secondo quanto raccontato, il writer sarebbe stato svegliato nel cuore della notte da una forte esplosione nei pressi della sua abitazione. Solo dopo il giovane si è reso conto che il botto era partito dalla sua auto, che fortunatamente non ha riportato alcun danno. Con ogni probabilità l’attacco ha a che fare con la sua attività di battaglia contro i simboli nazisti sui muri: al loro posto “Cibo” disegna pasticcini, salamelle, pezzi di formaggio, fette di torta e ortaggi portando un tocco di allegria e coloro dove fino a pochi minuti prima c’era amarezza e tristezza. A raccontare l’episodio è stato lui stesso sui social: “Anche se a me sembra tutto amaro, siate dolci – ha detto prima di ringraziare i follower per i messaggi di affetto -. Grazie a tutti per la solidarietà. Purtroppo Verona è ostaggio di queste persone, ma la cosa grave è questo odio che trova copertura nella politica locale”.

Solidarietà dalla presidente della commissione Giustizia

Cibo, noto artista di strada veronese, è nel mirino di delinquenti estremisti perché cancella svastiche e croci celtiche coprendole con disegni legati al cibo – ha scritto Francesca Businarolo -. Nei giorni scorsi una bomba carta è stata fatta esplodere sotto la sua auto: abbiamo ampiamente superato il livello di guardia. Si moltiplicano le ritorsioni contro chi cerca di promuovere iniziative culturali contro il razzismo, l’antisemitismo e le discriminazioni“.