Bombardieri Usa a est della Nord Corea. Pyongyang: "Trump megalomane"

Esercitazione dei bombardieri americani nei cieli della Corea del Sud

Dei bombardieri Usa B-1B Lancer, scortati da caccia, hanno volato nello spazio aereo internazionale sulle acque a est della Corea del Nord. Lo riferisce una portavoce del Pentagono, Dana White. Si tratta di una dimostrazione di forza che mostra l'entità delle opzioni militari disponibili per il presidente Usa Donald Trump. Per la portavoce, questo sorvolo "sottolinea la serietà con cui prendiamo il comportamento sconsiderato" della Corea del Nord. 

Il ministro degli Esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, parlando all'Assemblea Generale dell'Onu ha affermato oggi di essere alla "fase finale" del suo programma nucleare e che questo sarà utilizzato solo a fini difensivi e come ultima opzione. "Siamo ad un passo dal completare le nostre capaictà nucleari". Il ministro ha aggiunto che il lancio di un razzo verso gli Usa è sempre più "inevitabile" dopo le parole di Donald Trump nei confronti del leader Kim Jong Un. Ri ha spiegato che l'obiettivo della Corea del Nord è quello di arrivare ad un "bilanciamento di forza" con gli Usa dicendo che è lo stesso Trump ad essersi imbarcato in una "missione suicida" dopo che il presidente Usa aveva usato le stesse parole riferendosi a Kim. 

Ri ha definito il presidente Usa, Donald Trump "mentalmente disturbato" e "megalomane". Nel suo intervento, durato circa 30 minuti il ministro ha detto che le sanzioni imposte dall'Onu al suo paese sono "ingiuste" specificando allo stesso tempo che è "assurdo" pensare che questo possano "fermare di un millimetro" il cammino della Corea del Nord verso la sua volontà di diventare un potenza nucleare. 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità