Bonaccini: ancora una volta Borgonzoni attacca con fatti non veri

Red/Gtu

Roma, 28 dic. (askanews) - "Oggi Borgonzoni torna ad attaccare sul tema rifiuti. Ancora una volta con fatti non veri, parlando della discarica Razzaboni, a San Giovanni in Persiceto, alle porte di Bologna, già bonificata grazie anche al lavoro di questi anni della Regione. Mentre noi risolvevamo il problema, Borgonzoni dov'era?", così il presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini risponde alla candidata leghista per le regionali.

"Vediamo i fatti", prosegue Bonaccini, spiegando: "Si tratta di un sito privato in cui l'allora proprietario aveva sotterrato rifiuti di diversa natura, anche pericolosi. In seguito ad un'indagine del Corpo Forestale, finì in una procedura di infrazione comunitaria attivata nel 2003. Nel 2014 la sentenza di condanna e il pagamento di una sanzione pecuniaria a carico dello Stato, vertenza poi risolta positivamente nel 2016". E "per avviare il risanamento dell'area, il Comune intervenne in via surrogatoria, così come previsto dalla legge. I primi due interventi vennero finanziati dalla Regione per un importo di poco inferiore ai 4 milioni di euro e il completamento dei lavori fu possibile in seguito allo stanziamento da parte del Ministero dell'Ambiente (ministro Galletti) di 3 milioni e 365mila euro, tramite un accordo di programma fra lo stesso ministero, la regione e il comune".(Segue)