Bonaccini: ancora una volta Borgonzoni attacca con fatti non veri -2-

Red/Gtu

Roma, 28 dic. (askanews) - "Successivamente - ricorda Bonaccini - l'Emilia-Romagna fece ricorso alla Corte costituzionale contro il tentativo dello Stato di rivalersi con le Regioni che avevano siti da bonificare. E proprio l'Alta Corte, nella sentenza che Borgonzoni cita a sproposito, evidenzia la responsabilità del solo Stato italiano, che non avendo mandato la documentazione trasmessa dalla Regione alla Commissione europea, aveva causato la condanna comunitaria nei confronti dello Stato stesso".

"Questi i fatti. Qual è quindi il disastro che avrebbe fatto la Regione?", sottolinea il presidente dell'Emilia Romagna, avvertendo: "E' legittimo fare una campagna elettorale sui temi dell'ambiente, dei rifiuti e delle bonifiche, bisognerebbe però conoscere i fatti, per capire di cosa si parla. Anche solo per criticare, bisogna informarsi e non diffondere falsità. Come avvenuto con il delicato tema del dissesto idrogeologico, su cui peraltro - coclude - ha risposto oggi il sottosegretario all'Ambiente, Roberto Morassut".