Bonaccini: "Borgonzoni scambia Bologna per Ferrara"

webinfo@adnkronos.com

"No Lucia, quella non è Bologna, è Ferrara...". A scriverlo su Facebook è il presidente dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, candidato per il bis alle regionali del 26 gennaio, a commento di una foto-schermata che riprende un post della rivale, Lucia Borgonzoni, mettendo in evidenza una gaffe. La senatrice leghista, infatti, aveva pubblicato una sua foto con alle spalle monumenti di Ferrara per promuovere un evento che ha avuto luogo ieri a Bologna. La foto, poi, è stata sostituita, ma non è bastato a evitare alla candidata per il centrodestra un affondo dallo sfidante.  

"Alla senatrice Borgonzoni evidentemente serve un corso accelerato sull'Emilia-Romagna che le spieghi nei minimi dettagli storia, confini geografici, nomi delle città, le leggi in uso e quelle già esistenti. Forse solo in questo modo riuscirà ad evitare ulteriori svarioni. Per questo il Movimento 5 stelle è disponibile a destinare parte dello stipendio, che i suoi eletti già si tagliano, per permetterle di frequentarlo", interviene Simone Benini, candidato del M5s alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. 

"Ormai siamo veramente alle comiche. La Borgonzoni sta dimostrando di non conoscere veramente nulla della nostra regione. Ogni giorno accumula figuracce su figuracce. Se un errore come quello sui confini dell’Emilia-Romagna poteva anche far sorridere qualcuno, continuare a proporre idee che già sono state attuate (come la bonifica dell’ex discarica Razzaboni nel bolognese già conclusa o l’istituzione di un osservatorio per la disabilità che esiste dal 2018) dimostra tutta la sua inadeguatezza a governare l’Emilia-Romagna. Per questo il prossimo 26 gennaio l’unico voto utile è quello per il M5s, non c’è alternativa" conclude Benini.