Bonaccini: festa liberazione il 26 gennaio? Calderoli si vergogni

Rea

Roma, 19 gen. (askanews) - "Caro Calderoli dovresti fare solo una cosa: vergognarti. Affermando che volete istituire una seconda festa di Liberazione offendete quelle migliaia di donne e uomini, spesso ragazze e ragazzi, che diedero la vita per liberarci davvero dal regime nazifascista che si rese protagonista di indicibili orrori, omicidi, devastazioni e lutti. Dirlo nella terra dei sette fratelli Cervi significa avere completamente perso il senso della ragione ed essere senza vergogna". Lo dichiara Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra alla presidenza dell'Emilia Romagna.