Bonaccini a Riccione: la stagione non persa

Cro/Ska
·4 minuto per la lettura

Roma, 17 lug. (askanews) - Dall'entroterra alla Costa. Con l'impegno comune, condiviso con enti locali e operatori economici, di lavorare in primo luogo alla riuscita della stagione turistica dopo il lungo lockdown. Si completa la giornata riminese del presidente Stefano Bonaccini e della Giunta regionale dell'Emilia-Romagna, prima tappa di un tour che toccher tutte le province. Dopo la mattina dedicata alle visite a Sant'Agata Feltria e San Giovanni in Marignano, dove si tenuto l'incontro con i sindaci della Valconca, a fine mattinata in Municipio a Cattolica la Giunta ha condiviso con i sindaci della provincia di Rimini un Piano di investimenti straordinario da 12,5 milioni di euro (finanziato almeno un intervento in ogni Comune, progetti cantierabili e di qualit). Nel pomeriggio, il proseguimento lungo la Costa. A Riccione l'incontro con albergatori e bagnini A Riccione Bonaccini e la Giunta hanno incontrato albergatori e bagnini per un confronto sulle prospettive del comparto turistico, certamente uno dei settori pi colpiti dalla pandemia. Presenti tra gli altri la sindaca Renata Tosi, Bruno Bianchini, presidente di Federalberghi, e Diego Casadei presidente della Cooperativa Bagnini Riccione. "In queste settimane- ha sottolineato Bonaccini- abbiamo fatto, insieme alle associazioni di categoria e ai sindaci, un lavoro importante per garantire ai turisti un soggiorno capace di unire all'ineguagliabile ospitalit romagnola anche la garanzia della massima sicurezza. Un lavoro che sta dando i suoi frutti. Questa stagione turistica, dopo un inizio certamente difficile, non persa. Le stime indicano anzi un agosto migliore delle previsioni. Importante anche il rispetto delle regole sulla sicurezza: facciamo in modo che i comportamenti di qualche irresponsabile non mettano a rischio tutto quanto abbiamo fatto per fermare la pandemia, cittadini e istituzioni insieme. La Regione continuer a impegnarsi a fianco degli operatori, per investire sempre pi sulla qualit e sulla capacit attrattiva di un comparto trainante per tutta l'economia emiliano-romagnola. Un comparto che in questi anni stato protagonista di una crescita senza precedenti, arrivando a valere il 12% del Pil. Ci sono tutte le condizioni, superata questa inedita congiuntura, per ripartire pi forti e competitivi di prima. Grazie anche all'impegno e allo spirito imprenditoriale della comunit riminese, tra le pi colpite dalla pandemia, che voglio ancora una volta ringraziare per il senso di responsabilit dimostrato in questi mesi durissimi". Tante le iniziative avviate. La campagna di comunicazione per promuovere le vacanze in Romagna, un investimento da quasi tre milioni di euro, che guarda anche all'estero; l'accordo con le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia; un programma di manifestazioni artistiche e culturali pensato per allungare la stagione fino a settembre e ottobre. E poi il raddoppio del moto mondiale di Misano Adriatico, il Giro d'Italia posticipato ad ottobre, Ironman. Senza dimenticare il massiccio piano di investimenti per la riqualificazione dei fronte-spiaggia e delle strutture ricettive, con numerosi interventi avviati. Risorse per oltre 57 milioni, di cui 32,5 milioni per sostenere nel triennio 2019-2021 la realizzazione da parte dei Comuni di progetti di riqualificazione e rigenerazione urbana delle localit da Goro a Cattolica, in tutto il distretto balneare, e altri 25 milioni a sostegno del Fondo per la ristrutturazione delle strutture ricettive e turistico ricreative. Un nuovo strumento a disposizione di alberghi, campeggi, ma anche stabilimenti balneari. "Una ripartenza solida, inclusiva, di qualit. Grazie a opere immediatamente cantierabili e accelerando al massimo le procedure, pur nel rispetto della legalit. Come vogliamo fare con questo primo stanziamento straordinario di 12,5 milioni di euro, la Regione c' e continuer ad esserci". Lo ha ribadito Bonaccini nell'incontro che ha avuto a Rimini con le categorie economiche e sociali. E sempre a Rimini, la visita - insieme al sindaco Andrea Gnassi - al Parco del Mare, il pi grande progetto integrato in Europa di rigenerazione, rinaturalizzazione, innovazione del prodotto turistico e uno degli interventi pi significativi del Programma di riqualificazione costiera della Regione. Grazie a un contributo regionale di 8 milioni di euro verranno realizzati ulteriori tre stralci attuativi dell'intervento. Risorse che si aggiungono agli oltre 2,8 milioni concessi sempre dalla Regione attraverso fondi europei per i lavori attualmente in corso. "Siamo di fronte a un'opera di straordinaria importanza per la citt di Rimini e per tutta la regione, l'esempio concreto della Riviera romagnola che vogliamo: pi bella, pi attrattiva, pi rispettosa dell'ambiente. Una Riviera capace di offrire servizi di qualit durante tutto l'arco dell'anno a turisti e residenti. Anche grazie a interventi come questo, l'Emilia-Romagna del turismo ha le carte in regola per continuare a crescere". Prima dell'ultima tappa della giornata, l'incontro in serata a Santarcangelo di Romagna con i membri della Giunta comunale, l'appuntamento al Teatro Galli, sempre a Rimini, con le associazioni.